Sapore d'Irpinia

Sapore d'Irpinia

Pasqua a casa con i dolci della tradizione: la ricetta della Pigna

In Irpinia, a Pasqua, non si mangia la Colomba, ma la Pigna: l'antico dolce decorato con naspro e diavolicchi

Foto di Ciriaco Palmariello

Sarà una Pasqua magra un po’ per tutti. Il Coronavirus ci terrà lontano dagli affetti di genitori, nonni e amici. E per addolcire queste feste, quantomai anomale, toccherà preparare i dolci in casa rispolverando gli antichi ricettari della tradizione locale irpina. 

Trionfo della tradizione locale 

Niente colombe, ma tante pigne che richiedono ingredienti semplici ed economici. In più è un dolce che attiene alla nostra storia rurale al contrario del lievitato veneto che ha i suoi natali a Verona. 

La Pigna Pasquale negli ultimi anni è caduta un po' in disuso, si tratta di una ciambella molto profumata grazie all’aroma di arancia e dei liquori utilizzati. Per la sua fragranza, la sua forma e il suo colore è amata sia dai grandi che dai bambini ed è perfetta a colazione e a merenda. 

Caratteristiche della Pigna

La Pigna è maestosa, ricorda un grosso Babà, ma soprattutto è allegra e colorata con la sua glassatura ricca di tanti diavolicchi dalle mille sfumature.

La preparazione non è difficile, ma richiede pazienza, cura e amore. I tempi di lievitazioni sono lunghi e i piú precisi rispettano la tradizionale cottura in forno a legna che ovviamente regala all'antico dolce tutto un altro sapore. 

Di seguito la ricetta 

Ingredienti 

  • 1 kg di farina
  • 2 dl di acqua tiepida
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 5 uova
  • 400gr di zucchero
  • Succo di mezza arancia
  • Buccia grattugiata d'arancia
  • 1dl di latte
  • 1/2 bicchierino di strega

Per il naspro 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Zucchero a velo
  • Acqua 
  • Diavolicchi

Procedimento 

  • Si inizia con 250 gr di farina, 2 dl acqua tiepida, 1/2 cubetto di lievito di birra, o 2 bustine di lievito (lievitazione fuori forno), o 250 gr criscito (lievito madre). 
  • Si impastano questi ingredienti e si aspetta che il volume della pasta triplichi, lasciando riposare l'impasto a riparo da correnti.
  • Dopo si uniscono 750 gr di farina, 5 uova, 400 gr zucchero, il succo di mezza arancia, 1 dl di latte tiepido, buccia grattugiata di una arancia, 1/2 bicchierino di strega. 
  • Si impasta energicamente, o con una planetaria e dopo si mette il composto in uno stampo molto alto.
  • Anche in questo caso il vostro impasto deve triplicare di volume, per questo va lasciato lievitare per 24-36 ore.
  • Quando avrete ottenuto il risultato richiesto, infornate a forno freddo a 180° per 45-50 min (fare la prova stecchetto). 
  • Sfornare e ancora caldo decorare con naspro e diavolicchi. 

Per il naspro occorre zucchero a velo e acqua

  • Mettere gli ingredienti in un pentolino a bagnomaria e cominciare a lavorare il composto fino a che diventa bianco, fluido e consistente. Adagiare il naspro sulla pigna (se volete fate dei buchi profondi con uno stecchetto in modo che il naspro liquido entri all'interno).
  • Decorare la superficie con i diavolicchi e aspettate che il naspro solidifichi ed imbianchi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 55enne di Mercogliano asintomatica aveva avuto contatti con alcuni commercianti

  • Shock a Mercogliano, spari contro un'auto con quattro giovani a bordo

  • Ennesima tragedia della solitudine, donna si toglie la vita gettandosi dal balcone

  • De Luca contro il Governo: "Decisioni irresponsabili, dopo otto secoli ha ridato vita agli esercizi spirituali"

  • Nuovo Clan Partenio, ecco chi sono i tre nuovi indagati

  • Coronavirus a Mercogliano, D'Alessio descrive il nuovo caso di positività

Torna su
AvellinoToday è in caricamento