rotate-mobile
Cura della persona

Sclerosi multipla, la Campania adotta il PDTA regionale

Assicurerà a circa 12.000 persone affette da sclerosi multipla nella regione l'accesso uniforme a servizi e prestazioni cruciali

Raggiunto un importante traguardo in Campania per la tutela delle persone affette da sclerosi multipla e patologie correlate. È stato approvato e adottato il Percorso Diagnostico-Terapeutico Assistenziale (PDTA) che consentirà alle circa 12.000 persone affette da sclerosi multipla nel territorio campano l'accesso uniforme a servizi e prestazioni cruciali come la prescrizione di terapie più idonee e personalizzate, l'informazione dettagliata, il sostegno emotivo e l'affiancamento costante lungo il percorso di cura. Un passo avanti essenziale per migliorare la qualità della vita dei pazienti con sclerosi multipla, che si è concretizzato attraverso un percorso che fin dall'inizio ha visto la collaborazione tra Regione Campania, Associazione italiana sclerosi multipla (Aism), la sua Fondazione (FISM) e la rete dei centri clinici per la SM.

Una collaborazione che, dopo l'approvazione, non dovrà cessare di esistere, anzi. Sarà necessaria per garantire l’applicazione concreta ed efficace dei principi e delle direttive del PDTA nei servizi sanitari del territorio e non solo. Regione, centri e AISM dovranno occuparsi anche della formazione degli operatori sanitari, della promozione dell’informazione e conoscenza del PDTA e della corretta diffusione dello strumento anche tra le persone con SM, neuromielite ottica (NMOSD) e patologie correlate e i loro caregiver.

Approvazione del PDTA: un passo avanti importante per 12mila persone affette da scelrosi multipla in Campania

"Questa approvazione rappresenta una vittoria per la comunità dei pazienti affetti da sclerosi multipla, alla quale anche io appartengo. Adesso continueremo a lavorare per garantire anche alle persone affette da altre patologie l’approvazione dei percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali nella nostra regione" dichiara, attraverso una nota, il capogruppo regionale del Movimento 5 stelle Michele Cammarano.

“AISM, che ha fatto dei PDTA un punto fondamentale dell’Agenda della SM 2020 e 2025, ha giocato un ruolo chiave nella creazione di questi percorsi innovativi. Il PDTA, ora attivo in Campania, rappresenta uno strumento cruciale per garantire un supporto completo, promuovendo una presa in carico globale che unisce ospedale e territorio. Questa iniziativa è una risposta concreta all’esigenza di percorsi specifici che assicurino la continuità della cura, l’assistenza continua e la centralità della persona con sclerosi multipla e patologie correlate” afferma in una nota Gianluca Pedicini, presidente nazionale della Conferenza delle persone con sclerosi multipla e patologie correlate

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sclerosi multipla, la Campania adotta il PDTA regionale

AvellinoToday è in caricamento