menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal maxiorale in presenza all'annullamento dell'esame di maturità: ecco i possibili scenari

La fine del Governo Conte bis, con la conseguente fine del mandato del Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, rischia di cambiare le carte in tavola

Con l'entrata in campo del nuovo Governo – nell'attesa che l'idea Mario Draghi, il prescelto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, riesca ad accontentare tutte le forze politiche in campo – ci si chiede che cosa ne sarà dell'esame di maturità 2021. Già, perché l'ordinanza preparata dal Ministro dell'Istruzione uscente, Lucia Azzolina, non è stata firmata entro la fine del Governo Conte bis, gettando nuovamente tantissimi studenti delle scuole secondarie di secondo grado nello sconforto e nell'incertezza relativi all'ultimo atto della loro carriera scolastica.

Cambiano regole e modalità dell'esame di maturità? Ecco i possibili scenari

Eppure, i tantissimi studenti di tutta Italia che, nei mesi di giugno e luglio, dovranno sostenere l'esame di maturità non devono disperare perché, tra le tante ipotesi che potrebbero essere valutate dal nuovo Governo, vi è anche quella che tutto resti esattamente come già stabilito dall'ex Ministro. L'ipotesi del maxiorale in presenza, effettivamente, accontenterebbe un po' tutte le parti chiamate in causa, qualora la curva epidemiologica nel nostro Paese o in alcune regioni specifiche dovesse essere considerata ancora grave o, in ogni caso, attestabile a un livello da non sottovalutare.

Viceversa, qualora la situazione epidemiologica dovesse stabilizzarsi entro le prossime settimane, non è nemmeno escluso che si possa ritornare a un esame di maturità classico, con tre prove scritte e l'orale in presenza. Probabilmente, alla luce dei recenti casi emersi a scuola, questa seconda via appare, allo stato attuale, la meno percorribile, anche se tutto dipenderà – ed è necessario ribadire quest'aspetto – dal nuovo Governo che andrà a costituirsi e, di conseguenza, dal prossimo Ministro dell'Istruzione che verrà nominato. 

Un'ultima idea, infine, è quella di vedere annullato l'esame di maturità, sulla falsariga di quanto visto già in altri Paesi. Una soluzione, quest'ultima, di non facile percorribilità, in quanto andrebbe ad annullare una procedura prevista dall'art. 33 della Costituzione Italiana: "È prescritto un esame di Stato per l'ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l'abilitazione all'esercizio professionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento