Coronavirus, quando riaprirà la scuola? Tutte le ipotesi al vaglio del Governo

La ministra Azzolina "disegna" tutti gli scenari possibili

C'è grande attesa per il nuovo Decreto del Governo che (ormai è cosa certa) dovrà prorogare le restrizioni per evitare un'ulteriore diffusione del Coronavirus. Un "lockdown" che ha abbracciato ogni settore, in queste settimane, ma che ha riguardato in primis le scuole. Il mondo dell'istruzione, però, ha da subito cercato di farne di necessità virtù, aprendosi alla didattica a distanza che ha riguardato ogni fascia d'età. Ma il tempo scorre veloce e i tempi per un recupero della seconda parte dell'anno scolastico diventano sempre più stretti. Cosa fare? La ministra Lucia Azzolina ci sta lavorando e in un'intervista a Repubblica ha reso note le possibili soluzioni, in considerazione del fatto che prima di maggio non vi potrà essere nulla di certo.

Tutti promossi e tutti ammessi all'esame

Prima di tutto l'emrgenza potrebbe portare alla promozione e all'ammissione agli esami di tutti gli studenti . Non si tratta di un "6 politico", ha spiegato la Azzolina, anche se ci si ritroverà dinanzi ad un azzeramento totale delle insufficienze del primo quadrimestre. Se per le promozioni la strada sembra in discesa, la cosa si complica per gli esami di Strato: terza media e Maturità. Per avere un quadro più preciso, infatti, bisognerà attendere dopo Pasqua e ulteriori proroghe delle restrizioni.

Rientro a maggio, con esame personalizzato

La prima ipotesi (la più felice, ma anche la meno probabile) è quella di un rientro verso il 6 maggio che permetterebbe un recupero di circa quattro settimane delle lezioni (fino al 17 giugno). I maturandi, in particolare, potrebbero sostenere la prima prova d'italiano così come da calendario scolastico, anche se le tracce -fanno sapere dal Ministero- terranno conto di un programma più scarno. La cosa si complicherebbe con la seconda prova (prevista per 18 giugno), visto che non tutte le scuole hanno chiuso contemporaneamente, andando a creare dei dislivelli didattici in termini di programma. La soluzione sarebbe che la traccia venga creata dalla commissione interna (classe per classe). Il calendario delle prove, stando a questa ipotesi, si chiuderebbe poi a fine giugno con 'esame orale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solo esame orale, anche a distanza

La seconda ipotesi, al momento, non esiste, ma c'è una data limite: il 17 maggio. Se il "lockdown" dovesse essere prorogato oltre questa data la prima ipotesi verrebbe spazzata via in un sol colpo. Restano ferme le promozioni e le ammissioni a tappeto, ma sarebbero cancellate le prove scritte. Tutto si giocherà sulla prova orale (eseguibile anche a distanza) che "sarà rafforzato", spiega la Azzolilina. Quasi un'ora di orale che prevederà un po' tutto (in base all'indirizzo della scuola, ovviamente) e che potrebbe valere 60/100. Gli altri quaranta punti saranno valutati dai professori, in base alla "storia" scolastica dello studente. Considerando che per metà luglio tutto si dovrà concludere, le date possibili per gli orali sono due: 17 giugno o 1 luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus: è gravissimo al "Moscati"

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Dramma in Irpinia, il comandante dei carabinieri è stato trovato senza vita

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Riapre Aloha ad Avellino, nuova sede e golose sorprese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento