menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Valentina, Marco, Lina e Roberto: ecco chi sono gli chef premiati dal Gambero Rosso

Due forchette per i ristoranti irpini: Megaron, Maeba, Oasis, Marennà

Megaron, Maeba, Marennà e Oasis Sapori Antichi. Sono queste le quattro realtà della ristorazione irpina che entrano ancora una volta nella guida del 'Mangiare Bene'.

La classifica dei Migliori Ristoranti del Gambero Rosso non dimentica il nostro territorio e apre i riflettori sui piatti e il servizio di chi negli anni è riuscito a reinventarsi con coerenza e originalità, per raggiungere i propri clienti in un entroterra che non vanta grande appeal turistico, nonostante le potenzialità naturalistiche ed enogastronomiche.

Megaron

In guida da anni c'è la regina del Broccolo Aprilatico. Valentina Martone e Giovanni Morsa (rispettivamente Chef e maître del Megaron) hanno scommesso sul carattere rurale di Paternopoli, culla del Taurasi e del broccolo. Un terroir dall'inestimabile valore che ispira la coppia nella ricerca costante del Km0 declinato in ricette di stagione semplici e intramontabili con tecniche di cottura sapienti e dulcis in fundo, la mano raffinata e femminile di una cuoca dall'anima sensibile. 

Oasis Sapori Antichi - Vallesaccarda 

È l'unico ristorante stellato della provincia avellinese. A Vallesaccarda la famiglia Fischetti è una garanzia di qualità, professionalità e gusto. La cucina guidata da Lina Fischetti punta sulla riscoperta e la valorizzazione dei piatti del territorio, elevandoli con grazia alla raffinatezza dei palati più esigenti. L'identità è la leva costante di una filosofia che si traduce in realtà estetica, edonistica, emozionale, gourmet, ma senza mai snaturare l’armonia dei Sapori Antichi. A completare il quadro la serietà e al contempo la familiarità dei fratelli Carmine, Puccio e Nicola Fischetti che gestiscono la sala del ristorante. 

Maeba - Ariano Irpino 

Nico Mattia e Marco Caputi. Il prino maître dalla comprovata esperienza, con una conoscenza invidiabile in materia enologica e il secondo, uno chef autodidatta che non segue tendenze, ma anticipa mode affidandosi all'estro dei suoi giochi intellettuali. Da questa coppia prende forma il progetto Maeba, che in origine si avvalse della consulenza di Mirko Balzano. Un ristorante elegante, situato nella splendida cornice delle campagne irpine, all'interno di un un antico frantoio con ipogeo. Una sfida dall'evoluzione vincente che regala al cliente suggestioni vivide e suadenti. 

Marennà 

Il ristorante dei Feudi di San Gregorio a Sorbo Serpico dopo l'addio di Paolo Barrale ha affidato il timone al napoletano Roberto Allocca. Da sempre un punto di riferimento per gli amanti della cucina gourmet, lo chef ha trasformato la cucina nel suo laboratorio gastronomico, un luogo dove sentirsi liberi di sperimentare per offrire a tutti un assaggio della grande ricchezza del nostro territorio.Specialità che parlano di tipicità, di tradizione e del modo di intendere il cibo secondo la filosofia firmata Feudi di San Gregorio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È in Campania "zona gialla" che si tradisce di più: i dati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento