menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino, Speranza: "Le dosi non saranno per tutti, dobbiamo essere rigorosi"

Roberto Speranza si batte per la linea del rigore: no agli spostamenti tra comuni a Natale e Capodanno

"Voglio essere chiaro: io avevo proposto di fare zona rossa tutta Italia in quei tre giorni di festa. Non cambio idea. La penso come la Merkel, che sembra prepararsi a nuove restrizioni. Il rischio di una terza ondata dopo il Natale preoccupa tutti i Paesi europei. Per me, il limite agli spostamenti tra i comuni è una misura che rischia di essere troppo blanda, certo non troppo rigida".

Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella puntata di 'Porta a Porta', rispondendo alla domanda se in vista del Natale saranno rivisti i divieti di spostamento fra i Comuni e apportate modifiche alle regole previste dal decreto e dall'ultimo Dpcm.

Speranza sottolinea che i decessi sono tanti e non si possono ripetere gli errori dell'estate:

"Mi piacerebbe dire che è tutto finito ma purtroppo non è così - ha sottolineato Speranza - e il numero più drammatico è quello dei decessi, oggi 887. Non possiamo assuefarci a questi numeri, perché dietro ognuna di quelle persone c'è una vita, parenti che piangono e tanto dolore. Abbiamo chiesto ancora pazienza e sacrifici agli italiani anche per questo Natale".

Sul vaccino ha aggiunto:

"Mi auguro che se superiamo bene questa fase del Natale -dice ancora- poi potremo immaginare da febbraio, anche con la partenza delle vaccinazioni, di guardare con maggior fiducia al futuro. Ma per essere onesti fino in fondo, c'è bisogno ancora di diverse settimane di resistenza perchè il vaccino arriva, è la risposta vera al problema che abbiamo, ma come noto le dosi non arriveranno tutte insieme".

Le dosi non arriveranno subito per tutti 

"Pfizer/Biontech che è la prima compagnia che avrà l'autorizzazione, nella primissima fase ci darà 3,4 mln di dosi con le quali riusciamo a coprire 1,7 mln di persone perché per ogni persona servono due dosi. Dunque i vaccini non arriveranno tutti insieme, per questo serve ora fare un ultimo sforzo, che durerà svariate settimane e poi gradualmente verso una stagione diversa, riappropriandoci delle nostre libertà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Scende sotto l'1 l'Rt medio italiano, in Campania quello più basso

  • Cronaca

    Gli svaligiano la casa mentre è ricoverato in ospedale

  • Cronaca

    Coronavirus, ancora un decesso al Moscati: morta 70enne

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento