menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aula magna del "Vanvitelli" di Lioni intitolata alla professoressa Popoli

L'intera Comunità Scolastica del Vanvitelli, su proposta del Consiglio di Istituto, ha fortemente voluto dedicarle a perenne memoria l’intitolazione dell’Aula Magna dell’Istituto, sita in via Torino a Lioni.

In un’atmosfera densa di commozione si è svolta mercoledì 23 marzo 2016 alle ore 15.30 la cerimonia di commemorazione a ricordo della Prof.ssa Nicla Popoli, vicepreside del Vanvitelli fino alla sua prematura e dolorosa scomparsa, avvenuta l’8 settembre scorso. 

L’intera Comunità Scolastica del Vanvitelli, su proposta del Consiglio di Istituto, ha fortemente voluto dedicarle a perenne memoria l’intitolazione dell’Aula Magna dell’Istituto, sita in via Torino a Lioni.

Presenti alla celebrazione il marito Tonino Grasso, i figli Mariangela e Luigi, l’anziana madre, la sorella, alcuni familiari più stretti e tanti amici e colleghi del Vanvitelli, degli Istituti De Sanctis di Sant’Angelo dei Lombardi e  Maffucci di Calitri, con i rispettivi Dirigenti Scolastici Giovanni Ferrante e Gerardo Vespucci, il suo ex collega neo Dirigente Scolastico, Gerardo Cipriano dell’Istituto Comprensivo De Sanctis di Caposele,  Monsignor Tarcisio Gambalonga, il Dirigente Scolastico del Vanvitelli, Prof. Sergio Siciliano e gli ex DS Vincenzo Lucido e Dora Garofalo, la Collaboratrice del Dirigente, Prof.ssa Anna Di Domenico, la DSGA del Vanvitelli, Filomena Ciotta, la ex docente del Vanvitelli, Maria Dell’Api, molti ex colleghi e tutto il personale ATA dei vari plessi e le alunne della classe 5^ Turistica IPSEOA, sua ultima classe come docente, insieme alla rappresentante del Comitato Studentesco, Giulia Fischetti.

Ad aprire la cerimonia commemorativa, il Preside Siciliano, che con grande sensibilità ha saputo alleggerire la profonda e palpabile commozione tra i presenti, affidando ai dirigenti scolastici che l’hanno conosciuta, le parole di un ricordo ancora troppo presente per non essere altrettanto doloroso. Un avvicendarsi di aneddoti e memorie di tratti di strada condivisi, l’hanno descritta come una donna bella e forte, determinata e piena di sensibilità, dallo sguardo limpido e profondo, dal sorriso aperto ed accogliente, solare, altamente professionale, pronta all’ascolto e alla condivisione.

L’ex Dirigente Vincenzo Lucido,  con il quale Nicla ha iniziato il percorso di “vice”al Vanvitelli, visibilmente commosso, ha speso parole sentite di riconoscimento umano e professionale e di grande stima ed affetto per quella che ha definito “una vera signora”.

Alcune delle “sue” ragazze hanno voluto donare alla famiglia, a nome di tutta la classe 5^ Accoglienza Turistica delle sede IPSEOA, una targa con la serigrafia degli occhi della Prof.ssa Popoli, e la frase “Ed è in certi sguardi che si intravede l’infinito”, un gesto spontaneo e profondo.

La figlia della Prof.ssa Popoli, Mariangela Grasso, ha letto tra le lacrime una toccante lettera di ringraziamento a tutta la scuola e di incoraggiamento allo studio per le sue alunne, perché “mamma avrebbe voluto dirvi questo”.

A nome dei docenti del passato e del presente, la Prof.ssa Dell’Api ha sottolineato che il ricordo di Nicla resterà sempre nella scuola attraverso la testimonianza del suo valore umano e professionale e nei cuori di chi l’ha conosciuta attraverso il suo sorriso luminoso. 

A conclusione della commossa e partecipata cerimonia, dopo la benedizione di Don Tarcisio, è toccato agli amatissimi figli scoprire la targa all’ingresso dell’Aula Magna, luogo centrale di tutti gli eventi informali ed istituzionali della scuola, che ora porterà per sempre il suo nome. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, deceduto 84enne al Frangipane

  • Cronaca

    Coronavirus, Gigi Marzullo positivo al covid-19

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento