menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bando borghi e centri storici, il piano di riqualificazione Mibact per il Sud

L'avviso è rivolto anche ai comuni irpini

Il Mibact ha pubblicato il "Bando Borghi e Centri Storici", rivolto ai Comuni delle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia che rispettano determinati requisiti.

Al bando, volto alla rivalutazione dei borghi del Sud Italia, potranno partecipare anche i Comuni della Provincia di Avellino.

Il bando

"Il MIBACT, nell’ambito della programmazione strategica nazionale 2014-2020 e in coerenza con le indicazioni del Piano Strategico del Turismo 2017-2022,  ha lanciato un avviso pubblico per la selezione di interventi finalizzati alla riqualificazione e alla valorizzazione turistico-culturale dei piccoli paesi del Sud Italia.

L’avviso è finalizzato a incrementare l’attrattività dei territori interessati, la fruizione del patrimonio storico-culturale e la promozione turistica attraverso il miglioramento del decoro urbano e il recupero delle forme originarie e storiche del tessuto urbano e delle emergenze architettoniche; il potenziamento delle condizioni di accessibilità e la dotazione di infrastrutture per la mobilità sostenibile; l’erogazione di servizi e l’attivazione di sistemi, anche innovativi ed eco-sostenibili, per l’accoglienza turistica anche attraverso il recupero funzionale di immobili e spazi pubblici. 

L’intervento è rivolto ai comuni della Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia con una popolazione fino a 5.000 abitanti o paesi, fino a 10.000 residenti, che abbiano individuato il centro storico quale zona territoriale omogenea (ZTO) ai sensi dell’art.2, lettera A, del Decreto Ministeriale n. 1444/1968. Le risorse finanziarie disponibili sono complessivamente pari a 30 milioni di euro. Sono considerate spese ammissibili quelle  relative ai servizi e forniture, lavori edili, strutturali e impiantistici, consulenze e spese per la pianificazione di interventi economico-finanziari o architettonici. Il finanziamento massimo concedibile per ciascun beneficiario ammonta a un milione di euro, così ripartito: A. 850 mila euro per la realizzazione di opere, servizi, anche innovativi, e attività culturali per il miglioramento del decoro urbano e il recupero delle forme originarie e storiche del tessuto urbano e delle emergenze architettoniche, il potenziamento delle condizioni di accessibilità, la dotazione di infrastrutture per la mobilità sostenibile, l’erogazione di servizi e sistemi, anche innovativi ed ecologici, per l’accoglienza turistica anche attraverso il recupero funzionale di immobili e spazi pubblici; B. 150 mila euro per i servizi di architettura e ingegneria e per la elaborazione dei Piani economico-finanziari e dei Piani gestionali.

Il finanziamento è concesso nella forma del contributo a fondo perduto ed è pari al 100% delle spese ammissibili per la realizzazione degli interventi. Il contributo concesso sulla base del presente avviso non è cumulabile con altri finanziamenti pubblici, nazionali, regionali o comunitari, per le stesse spese ammissibili e per gli interventi oggetto della proposta.  Ogni Comune può presentare una sola domanda di finanziamento da trasmettere entro e non oltre 45 giorni dalla data di pubblicazione dell’ avviso esclusivamente all’indirizzo PEC mbac-sg.servizio2@mailcert.beniculturali.it indicando nell’oggetto la dicitura: “MiBACT – Interventi di riqualificazione e valorizzazione turistico-culturale dei Comuni – Domanda di finanziamento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento