menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vinitaly ci ripensa, sarà un'edizione speciale riservata agli operatori

L'Irpinia del vino ritornerà a Verona nel mese di ottobre

Verona riaccende il business del vino con una special edition di Vinitaly che si terrà dal 17 al 19 ottobre prossimi, in presenza e in sicurezza, nei padiglioni della fiera scaligera. Un appuntamento b2b in presenza posizionato strategicamente come punto di arrivo delle prime iniziative commerciali all'estero di Veronafiere, al via dal 3 aprile in Cina, per poi ripartire con verso il 54/O Vinitaly aperto al pubblico dal 10 al 13 aprile 2022. L'evento di ottobre è stato presentato in un webinar cui hanno preso parte i vertici di Veronafiere, Maurizio Danese e Giovanni Mantovani, e in collegamento il ministro dell''agricoltura Stefano Patuanelli, il sottosegretario agli affari esteri Manlio Di Stefano, e il presidente di Ice Agenzia, Carlo Ferro.

La Special Edition di Vinitaly ha l'obiettivo di riunire istituzioni, associazioni di filiera e aziende, coinvolgendole in un progetto di sistema che rappresenta il primo evento business del 2021 dedicato al settore vitivinicolo.

"Il vino italiano -ha detto Maurizio Danese, presidente di Veronafiere - è un settore fondamentale che esprime un valore alla produzione di circa 12 miliardi e un export che nel 2020 si è fermato a 6,3 miliardi di euro, in flessione del 2,3%. In questo scenario ritornare a programmare e a fare eventi in presenza è ancora più fondamentale. Lo confermano gli operatori nazionali ed esteri di Vinitaly in un sondaggio realizzato tra dicembre e gennaio scorsi: oltre il 30% del campione ha evidenziato che partecipare alle fiere sarà ancora più importante che in passato, mentre più del 60% ritiene che le fiere saranno ugualmente rilevanti".

Vinitaly special edition, sicurezza e corridoi verdi sanitari

Il format di Vinitaly Special Edition 2021, che si terrà dal 17 al 19 ottobre 2021, poggia su quattro pilastri: la manifestazione si svolgerà in presenza nel quartiere fieristico di Veronafiere: uno spazio delimitato, controllato e sicuro grazie al protocollo safetybusiness di prevenzione validato dal Comitato Tecnico Scientifico e da Aefi, l'associazione di riferimento delle fiere italiane. Il secondo punto è la caratterizzazione esclusivamente professionale dell'evento, con ingresso riservato agli operatori del comparto, degustazioni fisiche e online, un focus sul mercato-Italia, i workshop e gli approfondimenti del wine2wine Business Forum (18-19 ottobre). Ad aprire i lavori saranno gli Stati generali del vino 2021: un convegno con la partecipazione di 50 top manager del mondo del vino, le istituzioni e i rappresentanti dell'Unione europea che si confronteranno sullo scenario attuale e sulle prospettive future. Terzo pilastro della Vinitaly Special Edition è l'internazionalità. Veronafiere, con Ice-Agenzia e ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, è al lavoro per permettere l'arrivo di buyer selezionati dall'estero, in particolare da nazioni target quali Stati Uniti e Cina, attraverso corridoi verdi sanitari. Infine, sarà riservata grande attenzione alle aziende che parteciperanno all'evento di ottobre affinché possano capitalizzarlo come strumento di marketing, comunicazione e formazione professionale. Agli espositori verranno offerte aree preallestite chiavi-in-mano, comprensive di servizi. A disposizione degli iscritti ci sarà anche la vetrina virtuale e le soluzioni di networking digitali della nuova piattaforma online "Vinitaly Plus", per integrare e ampliare le potenzialità della rassegna fisica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento