rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Cronaca

Processo al Nuovo Clan Partenio, chiesta conferma delle condanne di primo grado

Continua il processo che vede imputati i cosiddetti affiliati del Nuovo Clan Partenio, accusati, a vario titolo, di associazione di stampo camorristico, tentata estorsione, usura e turbata libertà degli incanti

Continua il processo che vede imputati i cosiddetti affiliati al Nuovo Clan Partenio; accusati, a vario titolo, di associazione di stampo camorristico, tentata estorsione, usura e turbata libertà degli incanti. Nella giornata di oggi era attesa la discussione dell'appello per i quattro imputati che definirono la loro posizione nel corso dell'udienza preliminare. Infatti al termine del rito abbreviato, nel 2021, furono condannati a 13 anni e 4 mesi di reclusione Filippo Chiauzzi, a 11 anni e 10 mesi Elpidio Galluccio, 5 anni e 4 mesi Pasquale Bianco e 4 anni Ferdinando Bianco. 

In data odierna il procuratore generale della Corte di Appello di Napoli chiedeva la conferma della pena per gli imputati; difesi, rispettivamente, dagli avvocati Domenico Dello Iacono, Luigi Senese, Roberto Romano e Quirino Iorio. La sentenza è attesa per il 31 ottobre. 

Processo al Nuovo Clan Partenio, il filone dell'estorsione e dell'usura

Questo filone processuale è relativo all’inchiesta condotta dalla Dda di Napoli sul clan Partenio che vede alla sbarra i fratelli Pasquale e Nicola Galdieri, ritenuti a capo dell’organizzazione malavitosa irpina, insieme ad altre persone. Nelle oltre mille pagine di ordinanza cautelare è evidenziato lo spessore criminale del clan diretto dai fratelli Galdieri che si occupavano di usura ed estorsioni. Per gli inquirenti, infatti, il gruppo criminale è nato dalle ceneri del vecchio clan Partenio che a fine anni ’90 ha insanguinato la provincia di Avellino. Un’organizzazione che faceva capo ai Genovese che gestiva un grosso traffico di cocaina. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo al Nuovo Clan Partenio, chiesta conferma delle condanne di primo grado

AvellinoToday è in caricamento