Cronaca

Agguato in Irpinia, c'è l'ombra della camorra: ecco chi è la vittima

L'uomo era già noto alle Forze dell'Ordine

Omicidio a San  martino Valle Caudina dove a perdere la vita è stato Orazio De Paola. Il 58enne è stato freddato da cinque colpi d'arma da fuoco, uno di questi lo avrebbe raggiunto alla testa. Un regolamento di conti: questa l'ipotesi sulla quale si indaga con più insistenza. De Paola, infatti, era noto alle Forze dell'Ordine per la sua vicinanza ad ambienti criminali. Nel 1998, addirittura, venne smantellato un clan poi denominato Bove-De Paola, con a capo proprio la vittima dell'episodio di questa mattina. 

Vicino al clan Pagnozzi

Secondo la DDA, oggi De Paola era tra gli esponenti del Clan Pagnozzi, anche se negli ultimi tempi sembra che agisse "in proprio". iI clan Pagnozzi, ricordiamo, secondo gli inquirenti, è egemone in Valle Caudina e in parte della provincia di Avellino e Benevento. Ora si cerca di ricostruire lo scenario che ha portato all'omicidio di De Paola colpito con cinque proiettili: uno alla testa; uno al lato destro del petto, uno all’avambraccio sinistro, uno di striscio alla regione occipitale ed un altro sempre verso la parte destra del petto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato in Irpinia, c'è l'ombra della camorra: ecco chi è la vittima

AvellinoToday è in caricamento