menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pistola in casa di Damiano Genovese: "Possesso per legittima difesa"

L'ex consigliere comunale della Lega avrebbe fornito una giustificazione riguardo al possesso illegale dell'arma, reato per il quale lo stesso Genovese è sotto accusa

Possesso illegale di arma da fuoco. E' questo il reato per cui l'ex consigliere della Lega, Damiano Genovese, è sotto accusa ormai da mesi, in seguito al rinvenimento, all'interno della sua abitazione, di una pistola nel 2019.

L'ex consigliere si giustifica: possesso per legittima difesa

Nel corso dell'udienza che si è tenuta questa mattina, presso il Tribunale di Avellino, Genovese avrebbe risposto a tutte le domande del collegio presieduto dal giudice Luigi Buono.

L'ex consigliere comunale del "Carroccio", difeso dagli avvocati Claudio Mauriello e Gerardo Santamaria, avrebbe fornito la sua versione dei fatti, giustificando il possesso dell'arma per legittima difesa, in seguito ai numerosi furti avvenuti nell'area in cui lo stesso Genovese risiede.

I contatti con il Nuovo Clan Partenio e la data della sentenza

Dinanzi ai magistrati, lo scorso 22 settembre, l'allora capitano del Nucleo Investigativo dei Carabinieri, Quintino Russo, confermava, di fatto, quanto ricostruito dall’inchiesta portata avanti dall’antimafia di Napoli, che racconta dei contatti fra Damiano Genovese e alcuni soggetti coinvolti nell’indagine relativa al Nuovo Clan Partenio

L'accusa mossa nei confronti di Genovese - arrestato nel 2019 in seguito alla perquisizione che fu decisiva nel rinvenimento dell'arma - è, infatti, anche quella di ricettazione con aggravante mafiosa. Gli inquirenti, in particolare, ritengono che la pistola appartenesse al Nuovo Clan Partenio e che, con la detenzione dell'arma, Genovese abbia favorito l'organizzazione criminale attiva sul territorio di Avellino e nell'hinterland.

Per capire se, effettivamente, l'ex consigliere comunale sia riuscito a convincere i magistrati con le sue argomentazioni, bisognerà attendere il prossimo 2 marzo, data in cui verrà emessa la sentenza a carico di Genovese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento