menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Convalidato l'arresto di Genovese, l'ex consigliere andrà ai domiciliari

La decisione del magistrato

È durato circa circa mezz'ora il colloquio tra Damiano Genovese e il  gip del tribunale di Avellino, Francesca Spella. Al termine dell’udienza il magistrato ha deciso di convalidare l’arresto ma ha rigettato la richiesta della procura, che come misura cautelare proponeva la detenzione in carcere. Accolta, invece, la richiesta della difesa, che ha chiesto una misura meno restrittiva: Genovese, pertanto, avrà gli arresti domiciliari.

Il figlio del boss detenuto in regime di 41 bis, ha confermato quanto detto fino a questo momento: “Io non ho la possibilità di detenere una pistola attraverso un regolare porto d’armi in quanto figlio di un boss. Sono stato quindi costretto a rimediare una pistola rubata. Temevo per me e la mia famiglia”.

Appare indiscutibile, quindi, il coinvolgimento di Genovese nell'escalation di criminalità che sta mettendo in ginocchio il capoluogo Irpino. Gli inquirenti dovranno dare una motivazione a questo feroce atto intimidatorio che ha visto la distruzione delle auto di Genovese e dei suoi familiari a colpi di mitra. 

Al momento non si esclude nessuna ipotesi, anche quella che un altro clan abbia deciso di imporre la propria forza utilizzando il metodo più classico del Sistema: la "stesa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento