Asso-consum: parte civile in caso di rinvio a giudizio degli imputati della  strage del bus

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AvellinoToday

L’Asso-consum, associazione per la difesa dei consumatori, degli utenti e dei cittadini, componente CNCU, a fronte delle terza udienza preliminare per 15 imputati coinvolti nella strage del bus sull'autostrada Napoli-Bari all'altezza del viadotto di Acqualonga tra i Comuni di Monteforte Irpino e Baiano, comunica che si costituirà parte civile nel caso di rinvio a giudizio.

 Tra i 15 imputati, di cui la procura di Avellino ha chiesto al Gup che vadano in processo, spiccano i nomi di Giovanni Castellucci, amministratore delegato della società Autostrade per l’Italia Spa e di Riccardo Mollo, direttore generale delle Autostrade. 

 L’incidente, avvenuto il 28 luglio 2013, ha provocato la morte di 40 persone.

“Non vorremmo” sostiene il presidente Aldo Perrotta “che come sempre i responsabili reali la facciano franca”.

Torna su
AvellinoToday è in caricamento