menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Composte, frullati e olio di semi: così Giovomel salva il Melograno Irpino

Il Granato e il  Roce di Aiello del Sabato nel Repertorio Regionale delle Risorse Genetiche Autoctone

Importante riconoscimento per la provincia di Avellino e per i prodotti della sua terra. Con il  Decreto Dirigenziale Regionale n. 7 del 13.02.2018 è stata approvata l'iscrizione nel Repertorio Regionale delle Risorse Genetiche Autoctone di interesse agrario a rischio di estinzione di due ecotipi di Melograno Punica Granatum: il Granato di Aiello del Sabato e il  Roce di Aiello del Sabato.

Nei primi anni duemila, in provincia di Avellino, va precisato, si contavano soltanto pochi esemplari dei due ecotipi di Melograno indicati. Alcuni di questi alberi, quasi del tutto abbandonati, si trovavano ad Aiello del Sabato nei terreni attualmente coltivati dall’ azienda agricola Giovomel. La forza della natura è straordinariamente grande che nonostante lo stato di abbandono, le piante continuavano a produrre frutti straordinari dal gusto dolce con grossi granelli dal colore rosso scuro e un seme talmente morbido da poter essere masticato. L'azienda irpina, consapevole dei benefici del Melograno, potente alleato della salute e del benessere dell'uomo ha iniziato a studiare e curare i preziosi alberi di Granato e Roce,

La ricerca  di Giovomel ha poi sviluppato risultati alquanto sorprendenti soprattutto per quanto concerne l'adattamento alle condizioni pedoclimatiche del territorio che ha garantito un’ottima qualità delle melagrane prodotte. A seguito degli studi condotti le due varietà di melograno hanno raggiunto un buon grado di riproduzione ed oggi si può dire di aver recuperato un patrimonio genetico di grande valore per la biodiversità tale da meritare l’iscrizione nel Repertorio Regionale delle Risorse Genetiche Autoctone di interesse agrario a rischio di estinzione.

Dal canto suo l'azienda agricola di Aiello del Sabato continua nella ricerca meticolose di tecniche sempre più all'avanguardia per la coltivazione di ecotipi locali di Melograno, ma anche di pruni, kiwi, lamponi, mirtilli, ribes e altri piccoli frutti. Tutto questo rispettando le regole dell'agricoltura biologica e i principi della sostenibilità ambientale in modo da creare prodotti sani dagli effetti benefici per la salute del cliente. Nascono così marmellate, composte, frullati, olio di semi di melagrana di qualità pregiata e dall'alto contenuto di polifenoli essenziali per il nostro benessere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Stop ai vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson dal 2022

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento