menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via libera agli spostamenti tra Comuni, ma solo nella stessa Provincia

Si lavora per cambiare la norma che dispone il divieto di mobilità il 25/26 dicembre e primo gennaio

I dettagli verranno stabiliti nella serata di oggi, venerdì 11 dicembre, durante un vertice tra Giuseppe Conte, i capidelegazione e i capigruppo della maggioranza.

Il pressing dell'opposizione 

Tuttavia dopo il pressing della Lega e di Italia Viva e il monito dei sindaci pare scontato che il Governo ceda sulla limitazione degli spostamenti. In particolare le pressioni dei governatori del Nord (Fontana, Toti, Zaia) hanno convinto il presidente del Consiglio a revocare il divieto di mobilità e per questo si è deciso di presentare al Parlamento un provvedimento di modifica al decreto già in discussione che regola gli spostamenti fino al 15 gennaio 2021.

La regola del Dpcm del 4 dicembre 

Secondo l'attuale Dpcm c'è il divieto di spostamento il 25 e il 26 dicembre e il 1° gennaio 2021. Per chi si è mosso prima di queste date è però sempre previsto il ritorno presso la propria residenza, il domicilio o l’abitazione. Uma norma contestata soprattutto dai piccoli comuni e che è apparsa paradossale ai cittadini in quanto sono permessi spostamenti all'interno di una grande città come Roma, Milano, o Napoli e non tra due piccolissimi comuni confinanti come ad esempio San Potito Ultra e Parolise. 

Si lavora per cambiare la norma 

Per questo gli uffici legislativi di palazzo Chigi e dei vari ministeri sono al lavoro per individuare la strada più veloce per cambiare la norma, ma che non si presti a «diventare contenitore per altre misure di allentamento».

Le ipotesi 

Tra le ipotesi esplorate in queste ore dal governo c’è quella di eliminare il divieto soltanto per i Comuni con meno di 5.000 abitanti, ma non sembra possa essere la soluzione. La norma viene infatti ritenuta troppo restrittiva e in ogni caso sarebbe complicato poter effettuare controlli. Per questo si fa strada la possibilità di un allentamento generale semmai limitandolo a livello provinciale.Quando arriverà la modifica rimarrà comunque in vigore il divieto di spostarsi tra le Regioni, anche se si trovano in fascia gialla. E dunque bisognerà rimanere all’interno della propria.

L'ultima parola spetterà sempre ai governatori

A prescindere dalle decisioni del Governo, i presidenti di Regione potranno sempre emanare ordinanze più restrittive. È il caso di Vincenzo De Luca che in Campania ha già firmato l'ordinanza che dispone una serie di limitazioni alla mobilità. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento