menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Divieto di entrare a Grottaminarda per gli arianesi, il sindaco risponde alle critiche

Cobino: "Abbiamo solo chiesto il rispetto delle norme"

In merito alle sterili polemiche sull'iniziativa dell'Amministrazione comunale per evitare che alcuni lavoratori facciano pendolarismo tra Ariano e Grottaminarda il Sindaco, Angelo Cobino, precisa che la finalità è semplicemente quella di far rispettare l'Ordinanza n.17 del Presidente De Luca e che non ci può essere alcuna chiave di lettura discriminatoria, al contrario, Grottaminarda ha sin da subito dato la propria solidarietà ad Ariano Irpino.

“Quando domenica 15 marzo – afferma Angelo Cobino – il Prefetto mi ha chiesto di mettere a disposizione la Polizia Municipale di Grottaminarda per far rispettare le misure severe messe in atto nel territorio di Ariano ho subito aderito. Per 4 giorni, con turni massacranti, insieme ai Carabinieri, la nostra Polizia Municipale ha collaborato in questa direzione e possiamo dire che abbiamo svolto anche una azione educativa per arrivare a sensibilizzare le persone in questa dura battaglia con un nemico invisibile.

Ringrazio le tantissime persone e attività che hanno capito con senso di responsabilità che l'isolamento e il restare in casa fossero le regole basilari e le hanno rispettate. Quasi tutte le aziende hanno aderito e si sono organizzate evitando ai dipendenti spostamenti in ingresso o uscita dai nostri territori comunali.

Per qualche attività che non ha voluto capire abbiamo dovuto fare una diffida e sabato sera rispondere con parere negativo ad una specifica richiesta di autorizzazione. Tutto qui, si tratta semplicemente di una ulteriore azione tra quelle già messe in campo per evitare un pericoloso pendolarismo che potrebbe rivelarsi involontario veicolo di contagio, a maggior ragione in questo caso, visto che parliamo di attività di vendita di prodotti alimentari dove transitano migliaia di persone.

All'ex Sindaco di Ariano, Enrico Franza, a qualche atavico denigratore grottese e qualcuno dell'opposizione, rispondo che i sindaci italiani hanno l'obbligo di controllare e far rispettare tutte le ordinanze emanate e quelle che saranno emanate, quindi abbiamo soltanto cercato di far rispettare quelle che erano le indicazioni di decreti ed ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri Conte e del Presidente De Luca così come è compito dei sindaci; se queste regole non gli stanno bene ne devono chiederne la modifica a Consiglio dei Ministri e Regione. Tra l'altro la stragrande maggioranza di cittadini grottesi ed arianesi, avendo compreso il senso dell'iniziativa, esprimono sostegno all'attività del comune .

Con Ariano Irpino c'è stata sempre grande collaborazione istituzionale, inoltre, ci sono Amici cari che conosco dagli anni ottanta del secolo scorso e tante Persone con le quali c'è grande scambio di cordialità, si può dire che sia “la mia Città”, alla quale voglio bene e a cui rivolgo con affetto tutta la mia solidarietà insieme all'Amministrazione Comunale e all'intera Comunità.

Ariano, Grottaminarda, la nostra Irpinia, la Campania, l'Italia: insieme ce la faremo! – conclude il Sindaco Angelo Cobino”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, sono 90 i positivi di oggi: 12 ad Avellino

  • Sport

    Avellino implacabile, soffre ma vince anche a Catanzaro: 0-1

  • Incidenti stradali

    Grave incidente stradale a Pratola Serra, ferite due persone

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento