Attualità

Altre sei regioni in zona bianca da lunedì 14 giugno: la situazione della Campania

Oggi l'ordinanza del ministro della Salute Speranza porterà due terzi degli italiani nell'area con minori restrizioni: solo mascherina e distanziamento sociale

Due terzi degli italiani da lunedì 14 giugno si troveranno in zona bianca. Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia-Romagna, Puglia (in forse) e Provincia di Trento lasceranno il giallo e raggiungeranno Sardegna, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo. In tutto saranno dodici le regioni e una provincia autonoma a tornare in bianco, per un totale di quasi 41 milioni di cittadini in totale.

Le sei regioni in zona bianca da lunedì 14 giugno: cosa cambia per due terzi degli italiani

L'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, attesa per oggi venerdì 11 giugno dopo il #report dell'Istituto Superiore di Sanità e del ministero, "libererà" dunque alcune delle regioni più popolose d'Italia. Tra queste ancora in bilico è la Puglia, che si colloca ancora sul crinale della soglia critica dell'incidenza di 50 nuovi contagiati ogni centomila abitanti. Le prime a registrare per tre settimane consecutive il dato dell'incidenza al di sotto di 50 nuovi casi ogni 100 mila abitanti erano state Sardegna, Friuli-Venezia Giulia e Molise, in zona bianca già dal 31 maggio. Poi il 7 giugno è toccato a Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo.

Campania in zona gialla 

Nelle prossime ore, dovrebbe esserci la 'promozione' e le nuove ordinanze del ministro.Che disegneranno, nella migliore delle ipotesi, un'Italia in cui restano in zona gialla Valle d'Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Marche, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia. Per tutte, tranne la Valle d'Aosta che dovrebbe arrivare il 28, il passaggio in zona bianca è previsto per il 21 giugno. 

Le regole 

Due italiani su tre da lunedi torneranno quindi a vivere da lunedì 14 senza più grosse restrizioni alla loro libertà: mascherina, distanziamento sociale e  poco altro. Mentre vedranno la fine del coprifuoco con una settimana di anticipo sul resto del Paese. In zona bianca non ci sono limiti alle tavolate all'aperto sia per i privati che per i ristoranti mentre rimane la regola del 6 al masimo al chiuso, oltre alla fine delle restrizioni sulle persone che si possono ospitare in casa. In zona gialla invece il limite di quattro persone nei locali all'aperto e al chiuso resta, così come il limite di sei persone (oltre a figli minori ed eventuali disabili) per le visite a casa. Il green pass servirà per partecipare alle feste dopo le cerimonie civili o religiose. 

Nei ristoranti al chiuso in zona bianca quindi potranno sedere allo stesso tavolo sei persone. All'aperto invece non ci sarà alcun limite ma rimarrà la regola del distanziamento di un metro tra i tavoli. Invece se due nuclei familiari decidono di mangiare insieme in zona bianca possono accogliere fino a sei ospiti esclusi i minorenni. In zona gialla invece al momento rimane il limite di quattro persone allo stesso tavolo, sia al chiuso, sia all’aperto. Lo spostamento verso un'altra abitazione privata in sei persone oltre ai figli minori non era stato previsto come regola. In zona gialla rimane invece consentito una volta al giorno lo spostamento verso un'altra abitazione privata nei limiti del coprifuoco a quattro persone oltre ai figli minori. 

Leggi la notizia su Today 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altre sei regioni in zona bianca da lunedì 14 giugno: la situazione della Campania

AvellinoToday è in caricamento