rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presidio IrpiniAmbiente al Comune: monta l'ira tra i lavoratori

Secondo giorno di sciopero: a Piazza del Popolo gli animi si sono accesi contro il sindaco Festa

La rabbia dei lavoratori di IrpiniAmbiente non si placa. Dopo la manifestazione di ieri lungo Viale Italia e Corso Vittorio Emanuele, conclusasi con un'assemblea davanti al gazebo installato in Piazza Libertà, questa mattina i dipendenti della società che gestisce i rifiuti in Irpinia hanno tenuto un sit-in davanti alla casa comunale di Piazza del Popolo.

Presidio IrpiniAmbiente al Comune: monta l'ira tra i lavoratori

I toni si sono accesi contro il sindaco di Avellino, Gianluca Festa. Al primo cittadino viene imputata la scelta di voler costituire un sub ambito territoriale e formare una società mista per la raccolta e gestione dei rifiuti, la Grande srl, che riguarderà soltanto il capoluogo irpino. Una decisione che, quindi, introdurrà un privato nella gestione di un servizio che finora è stato interamente pubblico. Non solo. Avrà come conseguenza anche lo spacchettamento di IrpiniAmbiente e la separazione dei servizi. I lavoratori continuano la loro battaglia in difesa della gestione pubblica grazie alla quale, secondo loro, il servizio è sempre stato efficiente, anche in situazioni critiche come l'emergenza Covid.

Tensione alle stelle a Piazza del Popolo

Questa mattina, l'ira degli scioperanti è esplosa quando il primo cittadino si è fatto attendere a lungo prima di ricevere i rappresentanti sindacali ed un gruppo di lavoratori nella sala consiliare di Palazzo di Città. "La tensione è alle stelle perché si sta mettendo a rischio un patrimonio di controllo pubblica sull'igiene ambientale che - afferma Fabio Gigli, segretario generale Uil Trasporti - per noi è fondamentale per gaarntire trasparenza e qualità dei servizi ai cittadini oltre che stabilità dei posti di lavoro e continuità di reddito per i lavoratori. E' un attacco a cui stiamo resistendo con tutte le nostre forze. Al sindaco chiediamo di tornare sui suoi passi e di rinunciare ad un'ipotesi di privatizzazione, che consideriamo una sciagura per cittadini e lavoratori. Chiediamo, inoltre, di esercitare senso di responsabilità e di ricordare com'era il servizio prima che nascesse un realtà pubblica che, ad Avellino e nell'intera irpinia, ha garantito standard che non si conoscevano" conclude.

Video popolari

AvellinoToday è in caricamento