Prete irpino bacchetta Salvini: "Non strumentalizzi il Rosario e altri segni sacri"

Don Giuseppe Autorino "bacchetta" il vice premier via social

Matteo Salvini sfida tutto e tutti, anche la Chiesa, non solo invocando santi e Madonna, ma anche “sbandierando” rosari e crocifissi. Quest’atteggiamento del vice premier è ben visto dai cattolici “tradizionalisti”, anche se il modus operandi dello stesso ministro a tratti storce con quella che è la totale apertura del messaggio evangelico, andando a discapito di quella prima regola di fratellanza che la stessa ede cristiana impone.

Tale particolare, però, non è sfuggito a Don Giuseppe Autorino, parroco di Mugnano del Cardinale, che in un lungo post social ha criticato aspramente Salvini. Il sacerdote, visti i fatti, si è sentito in dovere di interrogarsi sul “nostro essere cattolici nella società del nostro tempo”. “La povertà economica ed umana che viviamo in questo tempo ci deve spingere alla solidarietà, all’unione, a soccorrere il povero, e sapere che anche se il colore della pelle non è come il mio, lui è comunque mio fratello”, scrive don Giuseppe.

L’Europa – continua - deve andare verso un nuovo umanesimo che rimetta al centro la persona. L’Italia, la politica, i politici, i cattolici e ogni uomo di buona volontà ha bisogno di una riforma della coscienza”. Poi, si rivolge direttamente al ministro dell’Interno: “Vorrei dire a Salvini che il Rosario non si ostenta per dire che sono cristiano, perché è fatto per essere pregato e non per essere agitato al vento, infatti non è l’esibizione del rosario che fa di te un cristiano. Io non faccio politica, perché la mia missione mi chiede altro, anche se come cittadino italiano sono chiamato a vivere la Polis. Vorrei esprimere nettamente che alcune esibizioni o ostentazioni, alla politica non gli spettano e quindi sappia rispettare i segni sacri che appartengono al popolo dei fedeli, senza strumentalizzarli”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parole dure che ad un certo punto del post vengono rivolte anche a quelli che si professano cristiani: “La vita in Cristo non è una bella teoria o un concetto da imparare, ma l’incontro con Gesù e con i fratelli, specialmente quelli più bisognosi. Abbiamo bisogno di un riflesso concreto della nostra vita di fede nella società che viviamo tutti i giorni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Elezioni regionali, chi sono i quattro eletti in Irpinia

  • Coronavirus, chiude il bar Nolurè

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

  • Coronavirus, in Campania è allarme arancione

  • A Mirabella Eclano uno dei wine resort più suggestivi d'Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento