menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente Dad in caso di allerta meteo, fa discutere la richiesta dei sindacati

Alcuni presidi hanno chiesto ai docenti di attivare le lezioni a distanza, ma le sigle sindacali sono insorte

“Se la scuola è chiusa per allerta meteo allora i docenti non sono tenuti neppure a fare lezione da casa ai propri alunni attraverso la didattica digitale. I docenti protestano perché in caso di allerta meteo non avrebbero lavorato e non si capisce perché dovrebbero farlo da casa”. 

È questa la richiesta delle sigle sindacali campane che ha generato un dibattito molto acceso nel mondo della scuola. Un documento ufficiale che adesso apre un contenzioso fra dirigenti scolastici, primi cittadini, insegnanti e associazioni di famiglie con figli in età scolare.

La polemica 

Il dibattito è nato in seguito alla richiesta di alcuni presidi di attivare la DAD in caso di allerta meteo e quindi scuole chiuse (quelle per cui è prevista la didattica in presenza). Secondo i sindacati se la scuola è chiusa gli insegnanti non devono lavorare da casa, ovviamente quelli che avrebbero dovuto farlo in presenza. La Dad è nata infatti per sostituire le lezioni in presenza in aula per limitare gli effetti del coronavirus.

I sindacati, dunque, denunciano quella che a loro avviso sarebbe un tentativo di utilizzare uno strumento, nato per fronteggiare l’emergenza Covid-19, per risolvere altri problemi che sono quelli connessi alle condizioni critiche delle scuole. Infiltrazioni di acqua, allagamenti e quant’altro si verifica durante le fasi di maltempo più o meno intenso non possono, e non devono, restare problemi irrisolti in maniera permanente

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende sotto l'1 l'Rt medio italiano, in Campania quello più basso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento