rotate-mobile
Attualità

Movida al centro storico, Festa: "Le polemiche dei residenti sono strumentalizzate da chi è contro di me"

Nella giornata odierna, il Sindaco del capoluogo irpino ha fatto il punto della situazione sulle opere in fase di completamento in città, tra cui il tunnel e il Centro per l'Autismo di Valle; sulle polemiche riguardanti la movida e sui danni provocati dal maltempo

Nella giornata odierna, a margine della presentazione dell'opera del maestro Spiniello che è stata collocata sulla facciata della Dogana di Avellino in attesa del completamento degli interventi di riqualificazione, il Sindaco di Avellino Gianluca Festa ha fatto il punto della situazione sulle opere in fase di completamento in città (tunnel, Centro per l'Autismo di Valle, case comunali), sulle polemiche dei residenti del centro storico e sui danni provocati dal maltempo.

Festa: "Stiamo completando le opere incompiute"

"Veniamo da 30 anni di incompiute. In questi primi tre anni di amministrazione, di fatto, stiamo completando queste opere - afferma soddisfatto il Primo Cittadino - abbiamo cominciato con le case comunali, abbiamo consegnato anche Piazza Castello, continueremo con il tunnel. L'Enel sta realizzando una cabina di trasformazione da 100 kilowatt senza la quale non possono essere alimentati gli aeratori. Stiamo completando altri alloggi comunali. Insomma, grandi notizie attendono la città nelle prossime settimane".

Centro per l'Autismo di Valle, Festa: "A breve accordo con l'Asl"

"Il Centro per l'Autismo di Valle è in via di ultimazione - assicura il Sindaco Festa - chi dice che non vede passi in avanti e che non ci sono miglioramenti vuol dire che non passa per quella zona. Abbiamo completato il verde e la parte della coibentazione; ho già sentito il direttore Ferrante per la sottoscrizione dell'accordo con l'Asl per la gestione allo scopo di offrire un servizio di qualità. 

Movida al centro storico, Festa: "Polemiche strumentalizzate"

"Le polemiche arrivate da alcuni residenti del centro storico sono molto strumentali - sostiene Festa - d'altronde a capo di questo comitato c'è chi si era candidato contro di me. E' sotto gli occhi di tutti la strumentalizzazione del contenuto delle missive".

"C'è un problema riguardante una determinata attività commerciale. Non si utilizzi il sindaco per nascondersi perchè l'omertà non paga mai, anche se purtroppo è un limite di molte persone di questa città. Per questo, ho voluto emanare un'ordinanza allo scopo di evitare che questa attività commerciale disturbasse. Ma è una! Il centro storico funziona in maniera perfetta, i commercianti sono ordinati ed educati e anche le presenze non sono invasive. Avrei preferito che si dicesse, in modo costruttivo, il problema non è il sindaco nè l'ordinanza. Mettiamoci insieme e affrontiamo la questione. Invece, per ogni cavillo si trova un motivo politico al fine di attaccare l'amministrazione.

Per quanto concerne la decisione di chiudere al traffico Via De Concilii, nei giorni di venerdì 12 e sabato 13 agosto 2022, il sindaco spiega: "Già tempo fa avevo immaginato un'isola pedonale, che ha funzionato benissimo. Così come è accaduto per i Cappuccini, per cui a seguito della mia ordinanza non ci sono state più segnalazioni nell'ultimo mese e mezzo, spero che avvenga lo stesso per Via De Concilii, d'accordo con i residenti. L'ordinanza è sperimentale e vedremo se darà i suoi frutti".

Maltempo e fiumi a rischio 

Il maltempo degli ultimi giorni ha provocato danni in Irpinia ed anche in città dove l'amministrazione, dopo l'alluvione, è corsa ai ripari con una serie di interventi. Il sindaco Festa dichiara: "Abbiamo posto rimedio alla vicenda delle Tufarole, ottenendo un finanziamento per rifare il ponte ed allargare l'alveo per mitigare i rischi a danno dei residenti". Per quanto riguarda Rio San Francesco, il Primo Cittadino afferma: "Il fiume tombato è una vicenda che risale a 40 anni fa e rappresenta un duplice problema. Da un lato, abbiamo la vicenda sversamento non regolato per cui abbiamo affidato un intervento da circa 2 milioni di euro per regimentare gli sversamenti delle acque nere nelle condotte fognarie. Un passo in avanti che potrebbe aiutare anche la portata del fiume tombato. Per quanto riguarda la capacità, il problema è oggettivo e, nel 2010, provammo a risolverlo presentando alla Regione Campania un progetto per uno scolmatore che ci facesse realizzare un bypass a monte e a valle. Un progetto complesso che non trovò il finanziamento" conclude.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida al centro storico, Festa: "Le polemiche dei residenti sono strumentalizzate da chi è contro di me"

AvellinoToday è in caricamento