rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Attualità

Mid: "Nessuno al di fuori del movimento gode di autorizzazione o potere di rappresentanza"

Il Coordinamento Regione Campania chiarisce rispetto ad alcune situazioni registrate

Alla luce di alcuni fatti e alcune criticità ben riscontrate evidenti e poste in essere sistematicamente e forse anche a più riprese da parte di terzi intervengo come Coordinatore Regione Campania del M.I.D. Movimento Italiano Disabili affermando quanto segue invitando i cittadini specialmente con diversa abilità a verificare oltre che a prestare maggiore attenzione quando e da chi viene realmente menzionato il nostro Movimento e che questi siano davvero membri effettivi,  coordinatori, vice coordinatori o collaboratori aderenti al movimento, nessun altro al difuori gode di autorizzazione o di potere di rappresentanza rispettivamente al movimento italiano Disabili, che non abbia e sia realmente in possesso di mandato o attestazione reale e di tracciabile sottoscrizione di avvenuto tesseramento. 

Inoltre invitiamo il mondo istituzionale, dell’associazionismo, dello sport ivi compresi rappresentanti dei massimi livelli istituzionali , del sociale ma anche appartenenti al mondo politico a riconoscere la nostra realtà istituzionale ampiamente rappresentativa in Campania e in Italia del mondo e degli aspetti generali della diversa abilità, soprattutto e ancor di più sensibilmente durante la celebrazione di iniziative, eventi o manifestazioni che siano di carattere pubblico e che coinvolgano la partecipazione collettiva oltre ogni forma di simpatia, antipatia, empatia che possa trovare motivo o forma di esistenza contro cose o persone, in ogni caso ingiustificabile 

Giovanni Esposito Coordinatore Regione Campania del M.I.D. Movimento Italiano Disabili dichiara: Il Grado di una civiltà si misura sempre nella sensibilità che riconosce ai Deboli e non nel potere che conferisce ai Forti, pertanto ci tengo a ringraziare tutto il gruppo del Coordinamento, dei tesserati, simpatizzanti ma anche di tutte le maestranze associative del mondo del terzo settore che da ogni angolo territoriale della regione Campania collaborando attivamente e proficuamente e che hanno espressamente inteso liberamente questa volontà insieme a noi, la rete ha lo scopo è bene precisarlo di unire tante realtà che perseguono o intendono perseguire l’unico vero scopo di tendere una mano che definisco la mano della macchina della solidarietà che spesso si trova sola contro la macchina purtroppo ancora inesistente della rete delle istituzioni di ogni ordine e grado.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mid: "Nessuno al di fuori del movimento gode di autorizzazione o potere di rappresentanza"

AvellinoToday è in caricamento