Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità

Giuramento di Ippocrate, De Luca: "La Campania è la regione che riceve meno risorse di tutte"

Il Governatore: "Finiremo di pagare i debiti del commissariamento nel 2034. Ogni hanno la Regione Campania paga 600 milioni di euro"

"Veniamo da due anni terribili, non solo per la fatica che hanno dovuto sopportare medici, infermieri, amministrativi e tecnici di laboratorio ma anche perchè cominciamo ad avere una situazione insostenibile per quanto riguarda il numero di medici impegnati nelle strutture sanitarie". Così esordisce il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca alla cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata al Teatro Augusteo.

"In questi anni, ci hanno raccontato che la sanità in Italia aveva ricevuto più risorse rispetto al passato. Ma non è così - sottolinea il Governatore - la sanità ha meno risorse rispetto a dieci anni fa e, ovviamente, questo pesa di più sulla Campania che riceve meno risorse di tutte le regioni nell'ambito del riparto del fondo sanitario nazionale".

"Ogni anno paghiamo 600 milioni di euro di debiti"

"Veniamo da dieci anni di commissariamento il quale si è chiuso alla vigilia dell'esplosione del Covid. Quei dieci anni li abbiamo pagati con lacrime di sangue per colpa di classi dirigenti politiche che non hanno avuto il coraggio di pensare al futuro ma solo alle porcherie clientelari - critica il Presidente Vincenzo De Luca - finiremo di pagare i debiti di quel decennio nel 2034. Ogni hanno la Regione Campania paga 600 milioni di euro".

"In questi due anni abbiamo risanato il bilancio sanitario della Regione. Ciò ci ha permesso di utilizzare i fondi dell'articolo 20 per l'edilizia ospedaliera che non utilizzavamo da 20 anni. Fino al 2019 non arrivava un euro per l'edilizia ospedaliera perchè non avevamo i conti in ordine. Nel 2015 avevamo tre anni di mancata approvazione dei conti consuntivi delle Asl" prosegue. 

Personale sanitario: "Siamo ancora a 10mila unità al di sotto"

"Dobbiamo ancora risolvere lo squilibrio radicale nel campo della specialistica ambulatoriale. Siamo la regione che ha la maggiore anomalia in Italia in alcuni campi,  con l'80% di prestazioni private e il 20% pubbliche. Una cosa che non si regge. Siamo stati chiamati a ridurre di 40 unità le strutture complesse realizzate allegramente nella sanità pubblica, però abbiamo avuto la possibilità di ottenere un miliardo e 300 milioni di euro per l'edilizia ospedaliera e oggi stiamo approvando i progetti esecutivi per realizzare una rete di ospedali affinchè tutta la regione possa contare su strutture moderne. Abbiamo stabilizzato tutto il personale medico ed infermieristico che potevamo stabilizzare ma siamo ancora a dieci mila unità al di sotto rispetto a quello che dovremmo avere". 

"I medici meritano una condizione contrattuale retributiva adeguata al carico di lavoro"

"Mentre andavano in pensione tanti medici, non abbiamo integrato o almeno sostituito il personale in uscita. A questo si aggiunge la particolare situazione di sofferenza che vivono i medici dell'emergenza ma è il governo nazionale che deve prendere una decisione. Non possiamo decidere noi nel caso di contratti di lavoro nazionali - puntualizza il Governatore Vincenzo De Luca -  è evidente che i medici del Pronto Soccorso, che hanno carichi di lavoro importanti, subiscono aggressioni, sono costretti ad avere un lavoro stressante, devono avere una condizione contrattuale retributiva adeguata. E' giusto che sia così, altrimenti avremo il problema che stiamo riscontrando adesso ovvero abbiamo fatto una quindicina di concorsi ma i medici non partecipano. Facciamo fatica a trovare specialisti disponibili ad andare in Costiera Sorrentina o nelle aree interne. Non possiamo obbligare nessuno, ma dobbiamo trovare soluzioni consensuali quando facciamo i concorsi. Il problema va risolto perchè manca il personale. Dobbiamo integrare gli organici immediatamente" ribadisce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giuramento di Ippocrate, De Luca: "La Campania è la regione che riceve meno risorse di tutte"
AvellinoToday è in caricamento