menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestione dei rifiuti, Confindustria si fa promotore di un convegno

La tavola rotonda vedrà la partecipazione del manager Chicco Testa

Ragionare su una corretta gestione del ciclo dei rifiuti in Irpinia. È questo l’intento del numero uno di Confindustria Avellino, Giuseppe Bruno, che si è reso promotore di un dibattito sul tema invitando i sindaci dei 118 comuni della provincia. L’appuntamento è per martedì 19 novembre, alle ore 15, nella sede dell’Unione degli Industriali in via Palatucci. La tavola rotonda vedrà la partecipazione del manager Chicco Testa, attualmente Amministratore Delegato e Presidente di Telit Communications, Presidente di Sorgenia, e già Presidente di Legambiente; sarà presente anche Mariateresa Imparato guida di Legambiente Campania; per l’ente regionale è atteso il Vicepresidente della Giunta della Regione Campania Fulvio Bonavitacola; il Presidente della Provincia di Avellino Domenico Biancardi e il Presidente dell’Ato Rifiuti Valentino Tropeano.

«Spesso sull’argomento c’è un atteggiamento di chiusura, si teme che dietro l’angolo possa esserci il malaffare. A mio avviso – sostiene il Presidente di Confindustria Avellino – è necessario avviare in Irpinia un ragionamento su una gestione dei rifiuti più adatta al territorio, valutando le opportunità. Ad oggi manca l’impiantistica e sono regioni del Nord Italia, come il Veneto e il Friuli, ad accogliere ad esempio il nostro rifiuto umido. È utile sapere che si superano oltre 40mila tonnellate all’anno di umido trasferito ad una tariffa di circa 220 euro a tonnellata che però è soggetta a continui aumenti». Confindustria Avellino ha redatto uno studio per fotografare l’attuale ciclo dei rifiuti in provincia, sono emersi i costi e si è arrivati a formulare una proposta che sarà sottoposta all’attenzione dei sindaci e degli ospiti del convegno. «Abbiamo invitato a questo tavolo le istituzioni, un manager di comprovata esperienza come Testa, e i vari comitati ambientalisti proprio per ragionare in sinergia, per approfondire e non arroccarci su posizioni singole, ma arrivare – conclude Giuseppe Bruno – ad una sintesi condivisa».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento