Fontanarosa, dove la lavorazione della pietra diventa arte e passione

La pietra tipica della zona è la breccia irpina, spesso affiancata da altri tipi di marmo: il suo utilizzo è molto diffuso in tutto l’aerale avellinese essendo stata impiegata, tra l’altro, in moltissimi casi, come zoccolatura di chiese e di antichi palazzi nobiliari

 Alla scoperta di Fontanarosa, antico centro dell’arte della pietra. Siamo in Irpinia, a circa 500 metri d’altitudine, tra le valli dei fiumi Frédane e Calore, in un territorio fertile e ricchissimo di sorgenti d’acqua, come attesta chiaramente il toponimo stesso del paese. L’origine di Fontanarosa va ricercata nella storia di Aeclanum, importante centro amministrativo e commerciale sannitico sorto sul tracciato della Via Appia. Dopo un lungo periodo di prosperità, Aeclanum fu più volte messa a dura prova da guerre, terremoti e saccheggi: nel 410 d.C. visse il devastante passaggio di Alarico e dei Visigoti; nel VI secolo d.C. fu coinvolta nelle guerre tra Goti e Bizantini, finché l’arrivo dei Longobardi ed il transito dell’imperatore Costante II di Bisanzio, diretto all’assedio della longobarda Benevento (662 d.C.), distrussero le ultime vestigia del suo glorioso passato romano. Molti cittadini eclanesi, allora, per scampare a morte sicura, trovarono rifugio e si insediarono nelle zone limitrofe, dando così origine a diversi paesi tra cui Grottaminarda, Mirabella e Fontanarosa. Fontanarosa fu dunque fondata in epoca Longobarda - tra il VII e l’VIII sec. d.C. - dai superstiti cittadini della distrutta Aeclanum. Dal punto di vista della giurisdizione ecclesiastica, Fontanarosa appartiene alla Diocesi di Avellino. Sul suo territorio sono tante le tracce rimandanti ad un forte sentimento religioso che da sempre contraddistingue il vivere sociale e civile della comunità. Tra i principali luoghi di culto del paese troviamo la Chiesa Parrocchiale di San Nicola Maggiore e il Santuario di Maria Santissima della Misericordia, o Madonna del Pozzo, senza dimenticare altre tre chiese intitolate a Sant’Antonio, all’Annunziata e all’Immacolata, rispettivamente sede di tre antiche confraternite tutt’oggi esistenti ed operanti: Confraternita del SS.mo Rosario e Sant’Antonio, Confraternita della SS.ma Annunziata e San Giovanni Battista, e infine Confraternita dell’Immacolata Concezione e San Michele Arcangelo. Vero elemento distintivo del patrimonio culturale del paese è il c.d. Carro: si tratta di un obelisco alto 28 metri realizzato a partire da un’anima di legno costituita da numerosi travi disposte secondo una tecnica che conferisce flessibilità, ma anche praticità di montaggio e smontaggio. La struttura, interamente rivestita da pannelli di paglia intrecciata a mano e lavorata a motivi ornamentali, poggia su un carro trainato da buoi, ed è tenuta in equilibrio mediate il tiro incrociato di decine di robuste funi in canapa. Sulla sommità trova posto la statua della Madonna della Misericordia e la suggestiva tirata ha luogo il 14 agosto di ogni anno, alla vigilia della Festività dell’Assunta. Fontanarosa lega la sua fama soprattutto all’antica arte della lavorazione della pietra estratta direttamente dalle cave presenti sul territorio. Nei vicoli del centro storico sono innumerevoli le testimonianze scultoree - dagli archi ai portali, dalle fontane alle rifiniture di scale e finestre - che testimoniano la maestria degli scalpellini locali. La pietra tipica della zona è la breccia irpina, spesso affiancata da altri tipi di marmo: il suo utilizzo è molto diffuso in tutto l’aerale avellinese essendo stata impiegata, tra l’altro, in moltissimi casi, come zoccolatura di chiese e di antichi palazzi nobiliari. La pietra di Fontanaro

Potrebbe interessarti

  • Sospensioni idriche, ecco i comuni che resteranno a secco

  • Altro giro, altra sospensione idrica: ecco i comuni che oggi resteranno a secco

  • Ghemon "paralizza" Avellino: il piano di traffico per il concerto di oggi

  • Avellino Summer Fest, le immagini del videomapping della Torre dell'Orologio

I più letti della settimana

  • Neonata morta durante il parto, sei medici indagati

  • Scossa di terremoto, l'epicentro è in Irpinia

  • I cingoli di Calitri: la ricetta da Unti & Bisunti

  • Schianto terribile in autostrada, neopatentata 19enne grave al Moscati

  • Terribile schianto in moto, marito e moglie in gravi condizioni

  • Avellino Summer Fest, ecco gli appuntamenti di oggi, 18 agosto 2019

Torna su
AvellinoToday è in caricamento