rotate-mobile
Attualità

Regionali, De Luca: "Il calo dell'affluenza conferma la scarsa fiducia da parte degli elettori"

Le dichiarazioni del Governatore della Campania su elezioni regionali, sanità e scuola

Nel corso del consueto appuntamento del venerdì pomeriggio, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha fatto il punto sulla situazione del Paese dopo le elezioni regionali e sulle sfide aperte su diversi fronti: sanità, scuola, autonomia differenziata. 

Calo della partecipazione alle regionali: "I dati confermano che manca la fiducia"

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha esordito commentando le elezioni regionali che si sono appena concluse: "Al voto il 37% degli elettori aventi diritto. Un'ulteriore conferma che è scarsa la fiducia di poter cambiare le cose in Italia e che la politica si stacca sempre di più da ogni elemento di passione ed entusiasmo. Ora che le elezioni sono passate, probabilmente avremo un clima più sereno per parlare di questioni sollevate in maniera forte. Mi auguro che potremo ragionare seriamente sull'autonomia differenziata e sui temi che impegnano la regione campana in una battaglia politica esplicita a difesa della sanità e della scuola pubblica statale".

Sanità: "Dobbiamo recuperare lo squilibrio esistente con le regioni del Nord"

"La sanità pubblica rimane un bene da difendere con i denti - ribadisce il Governatore della Campania - rimane la differenza di posti letto nelle strutture pubbliche tra Nord e Sud: 42mila posti letto in Lomardia, 12mila in Campania. Nel comparto privato, abbiamo la stessa percentuale di posti letto rispetto agli abitanti. Quindi rimane uno squilibrio drammatico che dobbiamo recuperare. Malgrado ciò, possiamo camminare a testa alta perché stiamo facendo miracoli. Abbiamo in corso un programma di realizzazione di ospedali pubblici, stiamo rinnovando le tecnologie con investimenti importanti e ci dedicheremo ad affrontare le criticità emerse dopo il Covid: lunghe liste d'attesa e rilancio della prevenzione oncologica, soprattutto per quanto riguarda il tumore al seno, al colon retto e alla cervice uterina".

"Stiamo ampliando la rete anti-diabete su tutto il territorio e daremo una mano ai Comuni per sostenere le iniziative a favore di anziani, disabili e bambini autistici - continua - non intendiamo rinunciare all'obiettivo di essere la regione della solidarietà potenziando i servizi pubblici. Dobbiamo liberarci della situazione assurda che riguarda la Facoltà di Medicina. Bisogna eliminare il numero chiuso perché abbiamo una carenza drammatica di personale medico e 10mila giovani che vanno a frequentare le università all'estero perché non hanno superato i test".

Scuola: "Saremo impegnati contro i tagli"

Per quanto riguarda la battaglia in difesa della scuola pubblica, De Luca dichiara: "Saremo impegnati contro i tagli. Faremo una battaglia e cercheremo di mobilitare anche le altre regioni del Sud per avere un ampliamento degli organici, un aumento ed una stabilizzazione dei docenti di sostegno e un piano concreto per l'edilizia scolastica perché ci sono ancora scuole senza riscaldamenti. Lavoreremo per allargare l'area della formazione, anche per coloro che non hanno completato il ciclo di studi secondari superiori. E' qui che dobbiamo investire per offrire al mondo produttivo figure professionali necessarie per le nostre imprese, Continueremo a tenere in piedi programmi regionali straordinari per il trasporto pubblico gratuito". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, De Luca: "Il calo dell'affluenza conferma la scarsa fiducia da parte degli elettori"

AvellinoToday è in caricamento