rotate-mobile
Attualità Mercogliano

Buona la prima della prima per Capocastello Distretto Creativo: stasera e domani si ripete

Luci, suoni, colori. L’arte e la tecnologia che si incontrano e fanno nascere opere particolari, a tratti oniriche. La modernità che irrompe, seppur con rispetto del luogo, nella tradizione del centro storico di Mercogliano, Capocastello, un borgo che non ha nulla da invidiare a tantissimi altri del Sud Italia, ma dove troppo spesso ci si sente dimenticati

Buona la prima della prima per Capocastello Distretto Creativo, il contenitore di installazioni, opere artistiche, momenti musicali, murales, effettivi visivi e sonori, in scena da venerdì 28 luglio a domenica 30 nell'antico borgo medievale di Capocastello, a Mercogliano. L’interessante iniziativa è stata promossa da Visit Irpinia, con la collaborazione del Comune di Mercogliano, della Pro Loco Mercogliano, delle associazioni Lumanera e Zeza di Mercogliano, della Misericordia del Partenio e del Forum dei Giovani di Mercogliano che si sono uniti per regalare un week end fatto di arte, riflessione, e buon cibo. 

Un percorso, quello allestito dagli organizzatori e dagli artisti di Capocastello Distretto Creativo, guidati dal direttore artistico Mirko Pierri, ricco di luci, suoni e colori che hanno animato la prima delle tre serate, accogliendo i visitatori in uno scenario del tutto nuovo per il borgo che ha ospitato, e che ripeterà questa sera e domani, diversi artisti provenienti da ogni angolo dell’Italia, ma anche alcune delle più significative realtà irpine, come Flussi e Collettivo Agata, e l’azienda di stampa 3D, 3DRap.

Nei murales il racconto del territorio 

Alcuni dei murales che si possono osservare durante il percorso, nascosti tra i vicoli del borgo, sono stati creati nei giorni precedenti la manifestazione, altri invece prenderanno vita durante la tre giorni. E ciò che rappresentano è strettamente legato al territorio: dai riti in onore della Madonna di Montevergine, alla transumanza, dallo spopolamento alle tradizioni della cittadina ai piedi del Partenio, come la Zeza e la Lumanera. Senza dimenticare la storia di Pacello di Mercogliano, il giardiniere del re che ha portato l’Irpinia in Francia e al quale è dedicato uno dei murales che rimarranno impressi sulle mura del centro storico, dove, il prossimo settembre, stando a quanto annunciato nelle scorse settimane dal sindaco Vittorio D’Alessio, dovrebbero anche partire i lavori di restyling e messa in sicurezza.

Capocastello Distretto Creativo (foto Sabina Lancio)

Capocastello, un borgo che attende la rinascita

Luci, suoni, colori. L’arte e la tecnologia che si incontrano e fanno nascere opere particolari, a tratti oniriche. La modernità che irrompe, seppur con rispetto del luogo, nella tradizione del centro storico di Mercogliano, Capocastello, un borgo che non ha nulla da invidiare a tantissimi altri del Sud Italia, ma dove troppo spesso ci si sente dimenticati. 

Un contatto diverso dal solito con suoni e luci, più profondo, interattivo, intimo. Attraverso le installazioni artistiche, sono tante e diverse anche le tematiche sociali trattate, come la solitudine delle persone anziane, o la necessità di apparire diversi da ciò che siamo realmente, solo per soddisfare i bisogni di chi ci osserva, finendo per sentirci in una gabbia che noi stessi abbiamo creato.

Pronti a ripetere stasera e domani, con nuove esperienze sensoriali, sonorità contemporanee, effetti visivi e buon cibo, da gustare tra un’opera e l’altra, tra realtà e immaginazione, tra le diverse identità di un borgo che aspetta di rinascere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buona la prima della prima per Capocastello Distretto Creativo: stasera e domani si ripete

AvellinoToday è in caricamento