menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Possibili allentamenti di misure per le province in "zona rossa" con dati più confortanti

Continua il dibattito tra governo e Regioni sulle fasce e le strette previste nelle varie aree in vista del Natale

È partita la mediazione tra l'esecutivo e i governatori, che puntano a un graduale allentamento delle misure in vista del Natale: una data a ridosso della quale potrebbe essere previsto un Dpcm ad hoc.

Sono ancora tanti i punti interrogativi in vista del vertice di oggi, al quale parteciperanno anche l'Iss e il ministro della Salute. La linea del governo resta quella dell'ascolto, ma senza alcuna intenzione di modificare il sistema di monitoraggio e i parametri per identificare le zone rosse. 

Province nelle Regioni Rosse 

Nel frattempo sul tavolo, tra le iniziative lanciate dalle Regioni, c'è l'accelerazione dei tempi sulla revisione dell'assegnazione delle zone, in particolare per la promozione verso quelle meno restrittive (attualmente la forbice di tempo minimo è due settimane) e l'allentamento delle misure in quelle province dei territori della "zona rossa" che hanno però dati più confortanti. C'è anche chi va in senso opposto anticipando chiusure per non rischiare di restare tra i bocciati a Natale.

Sindaci

In Campania i sindaci di Benevento, Avellino e Capri si erano già espressi contro la decisione di rendere l’intera Campania “zona rossa”. 

Il sindaco Festa aveva dichiarato che ad Avellino "Viaggiamo ancora con una media del 10%, prima del lockdown ho registrato una flessione e voglio sottolineare che non teniamo conto delle centinaia di tamponi dei laboratori privati.Avremmo una percentuale del 5% che sarebbe gestibile. Da uomo dello Stato accetto questa decisione augurandomi che passi presto. Lo scorso weekend siamo andati a dormire con la brutta notizia della zona rossa, ad Avellino sabato c’è il caos con la corsa agli acquisti. Non meritavamo il lockdown”.

Anche Clemente Mastella, primo cittadino di Benevento, ha espresso nuovamente le sue perplessità sulla recente decisione del Governo centrale.

“A Benevento abbiamo 250 contagi in città, 1400 in tutto nella provincia e 2 morti in una settimana. Siamo in fondo alla classifica come contagio“, chiarisce Mastella, che definisce la misura della zona rossa “irrituale”.

A sua volta il sindaco di Capri, Marino Lembo, ha ribadito ciò che aveva sottolineato due settimane fa: che sull’isola non vi era alcun bisogno di assumere decisioni limitative.

Capri non meritava zona rossa come negli altri posti dove ci sono stati impegno e sacrificio. Non dovevamo essere trattati come altri comuni che non hanno saputo contenere la situazione. Una premialità bisogna darla perché non è giusto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento