menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appiccò il fuoco per fare pulizia nel castagneto: viene condannato

La sentenza emessa dal Tribunale: un anno e otto mesi di reclusione

Il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Avellino ha condannato ad un anno e otto mesi di reclusione un cinquantacinquenne di Montoro, per incendio boschivo tentato e porto abusivo di armi da taglio, unificati dalla continuazione. 

I fatti risalgono al mese di maggio del 2013: il Comando Stazione forestale di Montoro, veniva contattato da un operaio di un’impresa boschiva operante nella località “Perticarelli” dello stesso comune irpino, il quale riferiva di aver sorpreso, e bloccato, un uomo intento ad appiccare il fuoco ad  alcuni cumuli di residui fogliari presenti all’interno di un castagneto.

Sul posto si portava prontamente il personale della predetta Stazione forestale, raggiunto dal nucleo antincendio boschivo territoriale, che accertava, sul luogo, la presenza di sette cumuli di residui vegetali con evidenti segni di combustione, a distanza di circa 8 metri dal bosco.

L’uomo fermato, consegnava anche un machete di circa trenta centimetri di lunghezza e due coltelli, nonchè l’accendino con il quale aveva appiccato il fuoco ai cumuli sparsi all’interno del castagneto, tentando di provocare un incendio che non era divampato soltanto in virtù delle forti piogge dei giorni precedenti, e del pronto intervento degli operai della ditta boschiva che erano riusciti a soffocare le incipienti fiamme. Il Tribunale di Avellino ha quindi condannato, a seguito di patteggiamento, l’imputato, ma la pena è stata sospesa poichè l'uomo era incensurato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento