Sport

Una Scandone Avellino incostante cade a Reggio Calabria, la Viola si aggiudica il primo round (78-64)

Reggini avanti nella serie 1-0: decisivi un super Genovese (21 punti) e Fall (doppia doppia, 13+18 rimbalzi). Vani, ai biancoverdi, i 17 punti di Dimitri Sousa. Martedì si ritorna sul parquet per gara 2

Una Scandone Avellino bella a tratti cade in gara 1 della serie playout contro la Viola Reggio Calabria. Al PalaCalafiore, finisce 78-64 per i padroni di casa, al termine di un match che ha visto gli irpini in gara soltanto nella prima metà dell'incontro.

La cronaca del match

Primo quarto ad appannaggio del roster reggino, molto più preciso al tiro e solido in difesa. La Scandone soffre nei primi dieci minuti, attaccando in maniera contratta e commettendo diversi errori nella manovra offensiva. Al 19-13 di parziale al 10' di marca calabrese, gli irpini rispondono con un poderoso break di 0-9 che permette a coach Rodolfo Robustelli di vedere per la prima volta il vantaggio nel primo atto della serie playout (21-22). Fortunato Barrile, con un tiro da tre, rimette le cose a posto (24-22), ma Uchenna Ani è altrettanto bravo a prendersi un gioco da tre, concretizzato, per il nuovo vantaggio biancoverde (24-25). Nell'azione successiva, è Totò Genovese a riportare Reggio avanti (26-25), prima della tripla di Danilo Mazzarese (26-28), stroncata da un controparziale degli uomini di coach Bolignano, a firma di Giulio Mascherpa e dello stesso Barrile, autore di un gioco da quattro (33-28). La Viola riesce a eguagliare il massimo vantaggio già raggiunto nel primo quarto di gara (+8), prima dell'1/2 dalla lunetta di Valerio Costa che fissa il risultato, all'intervallo lungo, sul 44-37 per Reggio.

Al rientro sul parquet, i primi due punti della contesa di Alessandro Marra sono soltanto un'illusione per la Scandone Avellino, tramortita da due bombe di Totò Genovese e da un'altra tripla di Enrico Maria Gobbato (53-39). Il timeout chiamato da coach Robustelli non basta a scalfire l'offensiva del roster calabrese che, al contrario, continua a macinare punti, con Totò Genovese e Yande Fall sugli scudi, portandosi anche al +21 di massimo vantaggio al 28' (63-42). I quattro punti consecutivi di Marra, seguiti da un canestro da due di Giampaolo Riccio e da un 1/2 ancora di Marra, sono una boccata di ossigeno per i biancoverdi, che riducono il divario a -14 (63-49), sebbene il risultato appaia, ormai, compromesso. Eppure, la Scandone prova a riportarsi in partita, allorquando due bombe consecutive, a opera del capitano biancoverde e di Fabrizio Trapani, la riportano a -8 (63-55). Reggio Calabria fa fatica a ritrovare feeling con il canestro, sbagliando anche molti liberi, ma riesce comunque a tenere gli irpini a debita distanza, specie quando Luka Sebrek riporta, con un tiro da tre, la Viola a +12 (69-57). 

I minuti conclusivi sono una passerella per i padroni di casa che, con un tiro da oltre l'arco del mai domo Giulio Mascherpa (78-62), firmano il massimo vantaggio dell'ultima frazione (+16), prima del tiro da due di Valerio Costa che fissa il risultato finale sul 78-64. Si chiude, così, in favore di Barrile e compagni il primo atto della serie playout tra Reggio Calabria e Avellino: a decidere le sorti dell'incontro, provvidenziali le giocate di Totò Genovese, top scorer dell'incontro con 21 punti, e Yande Fall, autore di una doppia doppia che riflette a pieno l'impatto determinante del cestista senegalese sia in fase offensiva che difensiva (13 punti e 18 rimbalzi). Vani, agli irpini, i 17 punti del brasiliano Dimitri Sousa.

Martedì 18 maggio 2021, alle ore 18, le due squadre ritorneranno sul parquet del PalaCalafiore, per gara 2 di una serie playout in cui il roster irpino sarà chiamato a fare sicuramente di più, soprattutto in termini di costanza e precisione, per provare a volgere la situazione in proprio favore.

Viola Reggio Calabria-Scandone Avellino 78-64: il tabellino

VIOLA REGGIO CALABRIA-SCANDONE AVELLINO 78-64 
(19-13, 25-24, 19-12, 15-15)
VIOLA REGGIO CALABRIA: Accurso ne, Fall 13, Romeo ne, Mascherpa 14, Genovese 21, Roveda 2, Freno ne, Frascati 0, Prunotto 0, Sebrek 5, Gobbato 12, Barrile 11. Coach: Bolignano.
SCANDONE AVELLINO: Costa 12, Marra 7, Sousa 17, Ani 7, Riccio 11, Monina 4, Mazzarese 3, Scianguetta ne, Mraovic 0, Trapani 3. Coach: Robustelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una Scandone Avellino incostante cade a Reggio Calabria, la Viola si aggiudica il primo round (78-64)

AvellinoToday è in caricamento