Us Avellino, scoppia il caso Longobardi: messa in mora la società

Non corrisposto lo stipendio di giugno 2019 dell'ex portiere dei lupi

Un fulmine a ciel sereno: l'Us Avellino è stata messa in mora. A comunicare la notizia è l'avvocato Nicola Longobardi, padre di Domenico (ex portiere dei biancoverdi nella passata stagione, ora militante nel Grotta in Eccellenza), attraverso una lettera inviata alla redazione di Tutto Avellino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera di Longobardi

"Sono l'Avv. Nicola Longobardi, papà di Domenico Longobardi tesserato dall'US AVELLINO la scorsa stagione 2018/2019 (ora tesserato dal Grotta 1984 in Eccellenza). Volevo rappresentarVi di aver stamane messo in mora la Società US AVELLINO 1912 srl per il mancato pagamento dell'ultima mensilità (giugno 2019) non corrisposta al detto mio assistito. Spero di comunicarVi presto la notizia dell'avvenuto pagamento da parte della Società US AVELLINO 1912 Srl degli emolumenti dovuti a Domenico, onde evitare il ricorso contro la Società debitrice, con conseguente possibile penalizzazione in classifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pericolosità ibuprofene e utilità vitamina C, la Farmacia Capozzi fa chiarezza

  • Non usare mascherina con valvola, potrebbe diffondere il contagio: l'avviso ai cittadini

  • Coronavirus, "Attenzione al fumo di sigaretta": l'allarme del Ministero della Salute

  • Coronavirus in Irpinia: ecco la mappa aggiornata, Comune per Comune, al 26 marzo 2020

  • La 3DRap di Mercogliano trasformerà maschere da sub in ventilatori

  • Coronavirus, l'aggiornamento della Protezione Civile: "Sono 62.013 i positivi, in Campania 1.169"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento