Domenica, 14 Luglio 2024
Calcio

Caneo: "Franco ha qualità incredibili, un regista a 360 gradi, farà bene ad Avellino"

"Futuro? Merito concretezza. Non mi va più di iniziare con le scommesse, voglio le armi per vincere"

A Radio Punto Nuovo, nel corso de' Il Pomeriggio da Supereroi, è intervenuto Bruno Caneo, ex allenatore della Turris: "Il riscontro di aver fatto un bel calcio sui campi più importanti della Serie C mi ha gratificato molto. Oggi però io sono a casa mentre altri sono già pronti per preparare la nuova stagione. La nostra proposta di calcio era quella di avere dinamicità, aggressività e intraprendenza. A centrocampo preferisco avere due palleggiatori, che abbiano qualità e che non facciano andare mai in affanno la squadra. Loro sono quelli che fanno giocare gli altri interpreti di movimento. Daniele Franco è un professionista serio e attento, è cresciuto tanto in questi anni. L’anno scorso ha avuto difficoltà iniziali, tra una squalifica durante le amichevoli, l’infortunio e il Covid. Non ha fatto un campionato continuo ed è stato condizionato. Però ha qualità tecniche incredibili, sa palleggiare sul corto e sul lungo. Ha destrezza nella conduzione palla, vede il gioco. Un regista a 360 gradi, ma allo stesso tempo in interdizione non si fa disprezzare. Avellino è una piazza esigente, c’è una società che è solida, a livello economico è importante. Di conseguenza si augura che abbia le potenzialità per organizzare un gruppo di giocatori per togliersi le soddisfazioni che meritano. Tornando a Daniele Franco farà bene sicuramente ad Avellino. Difetti? Li abbiamo tutti. Lui si mette a disposizione. Deve essere al 100% della condizione atletica. Non essendo grosso strutturalmente viene penalizzato dal punto di vista fisico. Però se sta bene fisicamente, è talmente veloce e rapido che sa farsi valere in interdizione. Il mio futuro? Interessamenti tanti, concretezza poco. Io sono rispettoso delle situazioni e credo di meritare concretezza. Non l’ho trovata ora, spero di averla in futuro. Ho lasciato Torre del Greco perché dal punto di vista professionale aspiravo a una squadra che mi desse le chances per giocarmi i play-off, una squadra che mi dicesse ‘Questo è l’organico per centrare i play-off. Poi se sei bravo o se la squadra in più e merita di più tanto meglio’. Iniziare con delle scommesse non mi va più, ritengo di essere arrivato a un punto tale da esigere una squadra che mi dia le armi per cercare di vincere qualcosa anche da allenatore. Ho l’entusiasmo di un quarantenne ma l’esperienza di un sessantenne”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caneo: "Franco ha qualità incredibili, un regista a 360 gradi, farà bene ad Avellino"
AvellinoToday è in caricamento