rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
social

"Out Here", all'ex Eliseo va in scena il festival che celebra la musica indipendente

La rassegna musicale organizzata da Fitz e Sometimes Collective con il contributo e il patrocinio del Comune di Avellino inizierà venerdì 1° marzo per poi concludersi a maggio

L'ex Cinema Eliseo, dopo le mostre di Banksy e Warhol, apre le porte alla grande musica ospitando "Out Here", il festival nato dal lavoro sinergico tra Fitz e Sometimes Collective, con il contributo e il patrocinio dell’Assessorato al Turismo del Comune di Avellino, guidato dal vicesindaco Laura Nargi. Quattro live prestigiosi che rendono omaggio alla figura di Miles Cooper Seaton, presentati questa mattina a Palazzo di Città dal sindaco di Avellino, Gianluca Festa, e dai referenti delle associazioni “Fitz” e “Sometimes collective”, Raffaele Pulzone, Paolo Pilone e Pier Mariconda.

All'ex Eliseo va in scena la musica indipendente con il festival "Out Here"

La prima data del festival, già sold out, è in programma venerdì 1° marzo quando saliranno sul palco avellinese i Vanishing Twin, trio londinese con già 4 dischi all'attivo e numerosi progetti di successo, formato da Cathy Lucas, Valentina Magaletti e Susumu Mukai. I Vanishing Twin, che hanno già toccato larghe zone dell’Europa e degli Stati Uniti, arrivano ad Avellino dopo il successo di Afternoon X, album del 2023 che ha ricevuto ottime review da riviste di settore come The Wire, Uncut, Mojo, The Quietus, Pitchfork e gli italiani Rumore e Sentireascoltare. 

"Sarà davvero un piacere portare la musica indipendente e di qualità all’interno dell’ex Cinema Eliseo - afferma Raffaele Pulzone, presidente dell’associazione culturale Fitz - grazie alla collaborazione artistica con il Collettivo “Sometimes” e al contributo sostanziale dell’amministrazione comunale, Out Here è stato immaginato come un mini festival in quattro date e cinque live che porterà ad Avellino artisti di respiro internazionale che sicuramente intercetteranno il favore di un pubblico trasversale, che arriverà anche da fuori provincia". 

Venerdì 15 marzo, sarà il giorno dei MEMORIALS, progetto di casa a Brighton nato dalla collaborazione tra Verity Susman (Electrelane) e Matthew Simms (già WIRE, It Hugs Back, Better Corners). La loro musica è una combinazione sapiente di brani multi strumentali, freakout psichedelici e loop di nastri risuonati dal vivo. Tra i migliori album dell’anno secondo la rivista britannica The Quietus, un pezzo di storia della musica alternativa atterrerà in città per portare sul palco il live onirico e immersivo che attinge dalle tracce dei tre capitoli di Music For Film, il positivo trittico di debutto uscito nel 2023. I MEMORIALS saranno aperti dalla band Bolognese Leatherette, tra le band preferite di Iggy Pop, che ne passa volentieri i brani durante il suo programma per BBC6. Dopo il successo di “Fiesta”, uscito su Bronson Recordings nel 2022, la band emiliana ha pubblicato lo scorso novembre “Small Talk”, seconda fatica sulla lunga distanza: un mix incendiario di post-punk di matrice inglese, vaghe atmosfere jazz e no wave. Saranno i progetti italiani ma dall’ampio respiro internazionale di Bono / Burattini e Marta Del Grandi a dare vita alla terza tappa di Out There.

Il 17 maggio, la sala centrale dell’Eliseo di Avellino vedrà i live del duo composto da Francesca Bono, voce e musicista già parte del gruppo indie rock Ofeliadorme, e Vittoria Burattini, percussionista e batterista dei Massimo Volume. Il duo performerà le tracce del loro primo long playing “Suono In Un tempo Trasfigurato”, album pubblicato dalla bolognese Maple Death Records e dalla forte connotazione esistenziale, ispirato dal lavoro della cineasta sperimentale ucraina Maya Deren, attiva negli Stati Uniti nella prima metà del secolo. Secondo la rivista Sentireascoltare “il disco evoca tanto lo sperimentalismo del Gruppo Di Improvvisazione Nuova Consonanza, quanto l’influsso di opere figlie della library music come Società Malata di Daniela Casa, ma anche il senso cinematico di uno dei massimi compositori italiani come Ennio Morricone, e non di meno la ricerca di Suzanne Ciani, Laurie Spiegel e Laurie Anderson”.

Nella stessa serata si esibirà Marta Del Grandi, italiana di nascita ma cittadina del mondo, che ha formato la propria esperienza di essere umano e musicista soggiornando in Cina, India, Nepal e Belgio. Uscito nel 2023 per la britannica Fire Records “Selva” è il titolo del suo ultimo album, fortunato seguito del precedente “Until We Fossilize”, con cui ha raggiunto l’interesse trasversale di numerose testate italiane e internazionali. Tra le sue influenze cita le sonorità della italoislandese Emiliana Torrini e di Aldous Harding. Con alle spalle una formazione jazz, Del Grandi nel tempo si è avvicinata ai suoni del cantautorato femminile di My Brightest Diamond e St. Vincent, tra le altre.

L'ultimo live il 23 maggio

"Out Hero" si chiuderà il 23 maggio con il live di Le Cri Du Caire, progetto che nasce intorno alla figura del giovane poeta, cantante e compositore Abdullah Miniawy. Scoperto da Blaise Merlin, direttore del festival La Voix est Libre durante i giorni turbolenti e tumultuosi della protesta di Piazza Tahir al Cairo nel 2013, è grazie all’ascolto in studio della voce potente e ipnotica dell’allora giovanissimo Miniawy che la magia si compie. Le Cri Du Caire cantano delle speranze, le sofferenze e della voglia di riscatto della gioventù egiziana. Una collaborazione che porterà Miniawy, con il supporto di Merlin a esibirsi in numerosi festival europei – tra cui il Le Guess Who di Utrecht - rendendo poi stabile la presenza del cantante in Francia. Come in una sorta di esilio forzato, Miniawy canta con profondità e forza uniche il dolore della lontananza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Out Here", all'ex Eliseo va in scena il festival che celebra la musica indipendente

AvellinoToday è in caricamento