rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Salute

Variante Delta in Italia, tutto ciò che c'è da sapere

Stando ai dati del database internazionale Gisaid, la mutazione B.1.617.2 è in ascesa anche se il ceppo inglese resta di gran lunga dominante

Aumenta la circolazione della variante Delta in Italia. Stando ai dati del database internazionale Gisaid, a maggio la mutazione B.1.617.2 è stata rilevata nel 3.6% circa dei genomi, mentre la variante Alpha è scesa dal 90 all'81% registrato ad aprile. La variante Gamma (ex brasiliana) è invece al 3,8%.

Secondo la fondazione Gimbe, rispetto ai sequenziamenti su campioni raccolti dal 19 maggio al 16 giugno (e dunque più recenti) nei database di Gisaid emerge invece che su 881 sequenze depositate 57 (6,5%) corrispondono alla variante Delta. Insomma, la mutazione B.1.617.2 è in ascesa, un dato che non sorprende visto che secondo i primi studi sarebbe del 60% più contagiosa rispetto al ceppo inglese (Alpha).

Non si tratta però di dati "ufficiali". L'ultima indagine di prevalenza delle varianti pubblicata dall'Istituto superiore di sanità risale al 18 maggio e stimava Delta all'1% con differenze regionali e un range che va dallo 0 al 3,4%: in particolare, la diffusione maggiore si registrava in Lazio (3,4%), Sardegna (2,9%) e Lombardia (2,5%).

L'efficacia dei vaccini contro la variante Delta e il focolaio di Milano

Rispetto all'efficacia dei vaccini secondo le stime del Public Health England una singola dose di Pfizer-BioNTech o AstraZeneca ha un'efficacia solo del 33% nei confronti di questa variante, percentuale che dopo la seconda dose sale, rispettivamente, all'88% e al 60%. Il dato più confortante riguarda però la capacità dei vaccini di ridurre le ospedalizzazioni: e in questo AstraZeneca e Pfizer si equivalgono (o quasi): con due dosi il primo previene i ricoveri del 92% il secondo del 96%. 

Nell'ultima settimana la variante Delta è stata isolata in due focolai a Milano e Brindisi, segno di una sua maggiore diffusione sul territorio nazionale. Il cluster scoperto nei giorni scorsi alla palestra Virgin Active di Città Studi a Milano conta al momento 14 persone positive a seguito dei tamponi effettuati sul personale e sui frequentatori della palestra, di cui 5 contagiati dalla variante Delta (ex indiana).

Leggi l'articolo su Today.it

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante Delta in Italia, tutto ciò che c'è da sapere

AvellinoToday è in caricamento