rotate-mobile
Politica

Siti archeologici provincia di Avellino, Petitto: "Parte l’iter per il riconoscimento nazionale"

L'annuncio del consigliere regionale nonchè capogruppo in Campania di Moderati e Riformisti, a margine del confronto tenuto oggi con il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano

“Dall’Area Archeologica Abellinum a quella di Carife, al Parco Compsa di Conza della Campania, passando per  Necropolie e Anfiteatro di Avella, l’Aequum Tuticum di Ariano e l’Aeclanum di Mirabella: i siti archeologici della provincia di Avellino si candidano a diventare di interesse culturale nazionale”.

Lo annuncia il consigliere regionale Livio Petitto, capogruppo in Campania di Moderati e Riformisti, a margine del confronto tenuto oggi con il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano e i dirigenti Mariassunta Peci, delegata ai Rapporti con l’UNESCO, e Clemente Costabile, Consigliere Ambasciatore diplomatico del Ministro.

“Abbiamo gettato le basi per avviare il procedimento amministrativo che poi sarà sottoposto all’attenzione della Soprintendenza e della Regione Campania - prosegue Petitto - lo stesso faremo per Castelli, Musei e Borghi irpini che da sempre rappresentano una straordinaria ricchezza territoriale a cui è necessario venga attribuito il giusto riconoscimento, anche in termini di crescita turistica.

Preziose risorse fino ad oggi destinatarie di pochi investimenti e quindi poco competitive a livello nazionale in confronto alla straordinaria storia che raccontano, ma soprattutto potrebbero ancora e meglio narrare se ulteriormente valorizzate.

Grazie alla disponibilità e all’attenzione del Ministro Sangiuliano e del suo staff - conclude il consigliere di Moderati e Riformisti - oggi abbiamo compiuto il primo passo di un percorso ambizioso che rappresenta una straordinaria e irripetibile opportunità per il nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siti archeologici provincia di Avellino, Petitto: "Parte l’iter per il riconoscimento nazionale"

AvellinoToday è in caricamento