menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Provincia punta a biogestore anaerobico, i grillini protestano: "Meglio compostaggio aerobico"

Gambacorta ha inserito l'opera nel piano triennale: i digestori sono identici a qualsiasi impianto a biomasse/biogas. Gli attivisti del Meet up suggeriscono un'alternativa

Lo smaltimento dei rifiuti al centro della contesa politica. Il presidente della Provincia Domenico Gambacorta con proprio provvedimento dà l'assenso al documento preliminare della progettazione per l’affidamento in concessione del biogestore anaerobico.

A sollevare la polemica il Meet up “Amici di Beppe Grillo” di Avellino che bocciano l'iniziativa intrapresa dall'amministrazione provinciale di Avellino.

Ma sarà veramente utile ai fini ambientali per la collettività?

A sentire gli attivisti non sembra: “Dopo tutte le battaglie fatte dal nostro gruppo e da molti Meet up irpini sul tema della gestione dei rifiuti nell’ottica della cosiddetta strategia Rifiuti Zero – commentano gli attivisti – non possiamo non esprimere il nostro più fermo disappunto rispetto ad una procedura finalizzata alla realizzazione e gestione, presso l’impianto STIR in località Pianodardine, di un impianto di digestione anaerobica della frazione organica derivante dal ciclo di gestione dei rifiuti solidi urbani. I digestori sono identici a qualsiasi impianto a biomasse/biogas. Il prodotto del processo di fermentazione della frazione organica non è compost ma un digestato che è, a tutti gli effetti, un rifiuto.  Sparso sui terreni, li avvelenerebbe, rappresentando una vera bomba ecologica. Siamo certi che la realizzazione di questa opera non sia stata dettata da inconfessabili interessi speculativi connessi all’affare biogas, un affare rappresentato dall’enorme quota di incentivi statali che vengono erogati per la produzione del biogas/biometano".

Un quadro allarmante per quanto raccontano gli attivisti di Grillo che rincarano la dose: “Ancora una volta – continua il gruppo attivo – ci ritroviamo a dover contrastare una decisione già presa senza la partecipazione dei cittadini e senza un’adeguata informazione. Viste le criticità ambientali che già insistono sul nostro territorio, chiediamo all'amministrazione provinciale di desistere dalla realizzazione di tale impiantistica che si avvale di una tecnologia inquinante ed impattante ed auspichiamo anche un coinvolgimento del Comune di Avellino".

Non solo protesta da parte del Meet Up ma anche la proposta: "Un’alternativa a questo scempio esiste e si chiama compostaggio aerobico. E’ economico sul mercato ed innocuo per l'ambiente. Anzi è addirittura benefico poiché garantisce la restitutio ad integrum del contenuto organico alla terra che ce lo ha fornito. La salute dei cittadini non è in vendita. Noi non ci arrendiamo” – concludono gli attivisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento