rotate-mobile
Politica Aiello del Sabato

Progetto Aiello: "Vigili urbani, un teatrino che dura da oltre un anno"

Riceviamo e pubblichiamo la nota del gruppo consiliare di minoranza "Progetto Aiello"

“La situazione dell’organico dei vigili urbani ad Aiello sta diventando una commedia. Una commedia con il primo atto, il secondo e qualcosa in più” è quanto sostiene il gruppo consiliare di minoranza Progetto Aiello.

“A distanza di oltre un anno dal pensionamento di uno dei due vigili, si va avanti con soluzioni provvisorie e non adeguate.

A marzo dello scorso anno la Giunta comunale prende atto del prossimo pensionamento del sig. Galluccio avvenuto poi a inizio luglio. Da allora nessuna adeguata sostituzione:  si è andati avanti con l’utilizzo di personale di altro ente in forza di una convenzione stipulata con il comune di Avellino. Un utilizzo limitato a poche ore alla settimana e oggetto già di più di una proroga.

Una soluzione che fin dall’inizio era apparsa inadeguata come di fatto si è rilevata” sostiene il capogruppo Gerardo Candido.

“Né è una riprova le ripetute proroghe che sono state adottate di tali provvedimenti e la circostanza che  si è dovuto far ricorso alla disponibilità saltuaria e all’occorrenza del vigile andato in pensione sig. Galluccio per coprire le esigenze si servizio, disponibilità data a titolo gratuito e verso il quale bisogna esprimere tutto il nostro apprezzamento” è la convinzione del consigliere Virgilio de Girolamo.

La consigliera Connie della Sala puntualizza: “Nonostante questa ulteriore unità (siamo a 4!), ci sono stati giorni in cui nessun vigile è stato in servizio sul territorio comunale. Si è verificato in tante circostanze sia nei giorni feriali sia sistematicamente nei giorni festivi.

Abbiamo richiesta di predisporre, proprio per esigenze temporanei ed improvvise, una graduatoria di persone alle quale attingere per espletare il servizio. Non ci siamo inventati niente di nuovo, semplicemente abbiamo preso esempio da altri comuni.

Ma la risposta che ci è stata data in consiglio comunale è sempre stata negativa.”

Fino ad arrivare al paradosso. “Si proprio così ritiene - il consigliere Manlio Lomazzo ad aprile 2022 viene indetta una selezione per mobilità esterna per ricoprire del dipendente che era andato in pensione. Posto da coprire a tempo pieno e indeterminato. Una modalità di selezione riservata a dipendenti che già lavorano in altri enti. Avevamo chiesto l’annullamento della procedura di selezione perché non offriva la possibilità ai giovani e a quanti in cerca di occupazione la possibilità di concorrere per un posto.

Risultato: nessuna partecipazione a questa selezione, si è perso solo del tempo.”

Ma non è ancora finita. E’ stata riaperta la procedura di selezione per mobilità esterna, quindi nessun concorso pubblico, quindi nessuna opportunità di partecipare ad un concorso, quindi nessuna occasione di nuova occupazione.

“Eppure avevamo evidenziato a tutto il consiglio comunale che non c’era e non c’è alcun obbligo di ricorrere alla mobilità per poter completare la pianta organica. Abbiamo portato a supporto i recenti provvedimenti legislativi in tal senso – sostiene il capogruppo Candido-

Eppure il territorio comunale per estensione, numero di abitanti e complessità geografica, meriterebbe un servizio dei vigili urbani efficiente, efficace, costantemente sul territorio e con un organico al completo. Le lamentele dei cittadini sono sempre più numerose e meriterebbero ben altra attenzione.

Fra una procedura come quella seguita dall’ amministrazione che di fatto limita il numero dei partecipanti a chi ha già un rapporto di lavoro nell’ambito pubblico e chi invece con i titoli necessari è ancora alla ricerca di un posto di lavoro, noi pensiamo che sia da preferire nettamente la seconda strada. Ed è questo il pensiero di tanti concittadini”.

Ma non la pensano così in Via Mancini, sede del comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Aiello: "Vigili urbani, un teatrino che dura da oltre un anno"

AvellinoToday è in caricamento