menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'opposizione chiama a raccolta i cittadini: "Chi è contro Foti ci metta la faccia"

Sabato 21 novembre raduno davanti la sede del municipio. Non ci saranno sigle di partito ma solo cittadini stufi dell'andazzo che si sta consumando nella maggioranza di Foti

L'idea è di dare un taglio trasversale alla manifestazione di sabato 21 novembre alle ore 17 nello spazio antistante il Municipio. L'andazzo della maggioranza non piace ai consiglieri di opposizione: da Dino Preziosi e Domenico Palumbo, da Sel con l’onorevole Giancarlo Giordano, dai consiglieri Virglio Cicalese e Monica Spiezia di Ncd e da Forza Italia di Nicola Battista.

Manca all'appello l'Udc che tergiversa. Sia Pericolo che Bilotta non hanno ancora detto a chiare lettere cosa faranno. Intanto l'immagine di una maggioranza divisa per bande è sotto gli occhi di tutti. Ad Avellino non si parla di altro. Tra la gente c'è sfiducia perchè le polemiche continuano e i problemi restano sempre irrisolti. Dalle aule del consiglio, lo scontro si sposta in piazza.

Mettendo da parte le sigle partitiche, l'idea è quella di convogliare quanta più gente che critica l'operato della giunta Foti. Qualcuno ad organizzare pur doveva esserci. E l'iniziativa è stata presa da chi si è sempre manifestato alternativo. "Non siamo qui per annunciare un nuovo cartello elettorale ma per dire che questa amministrazione deve andare a casa, che nessun rimpasto potrà restituire senso a questa esperienza”, afferma Preziosi. “Il colpevole dello sfascio della città non è solo il sindaco. Anzi, i maggiori responsabili sono i consiglieri comunali che continuano a mantenere in piedi una situazione ormai al limite. E’ il tempo di dire basta. Facciamo appello a tutti, vedremo chi ha il coraggio di metterci la faccia. Non si può più assistere a questo spettacolo indegno.

Mimmo Palumbo aggiunge: “Queste persone della maggioranza non possono nemmeno amministrare il proprio condominio. Ma quale processo di cambiamento ha avviato questo sindaco? Nessuno, sta portando avanti il lavoro altrui. Inoltre, è allergico ai consigli comunali ed è anche troppo autoritario: non lo riconosciamo più come sindaco". Sabato la prova del nove. I cittadini si sentiranno liberi di scendere in piazza alla luce del sole oppure preferiranno manifestare il dissenso parlando davanti al bar?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento