menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La lista “Fare Democratico-Popolari” chiude la sua campagna elettorale

In attesa degli ultimi appuntamenti la candidata Anna Nazzaro lancia il suo appello al voto, a poche ore dall’apertura delle urne, domenica 20 settembre

La possiamo definire una campagna elettorale anomala, in un anno del tutto fuori dall’ordinario che ci ha costretti a fermarci, a muoverci nell’emergenza mentre tutto intorno a noi cambiava. Quelli che ho vissuto sono stati momenti intensi, impegnativi, ma sicuramente illuminanti: ho riscoperto il valore delle relazioni, della condivisione di idee e progetti fatta sui territori. E’ stato un modo di partecipare alla vita di tante comunità per ascoltarne sia i bisogni che i desideri e trovare la motivazione giusta per superare insieme le difficoltà del passato e affrontare il futuro con fiducia. 

Scuola, sociale, luoghi di aggregazione, vicinanza agli amministratori locali e sostegno alle famiglie: sono questi i temi che ho portato con me nelle strade, nelle piazze, negli incontri con le persone. Partiamo dal primo luogo di crescita e formazione, dalla scuola e dalla messa in sicurezza di tutte le strutture che ospitano gli studenti per gran parte delle loro giornate, per tornare a percepirla come una comunità di cura. L’emergenza Covid ha mostrato tutte le nostre fragilità, mettendo in luce delle mancanze strutturali, abbiamo bisogno di un programma di digitalizzazione serio e intelligente – seguito da un’adeguata formazione - servono nuovi spazi fisici per lo sviluppo culturale e sociale dei ragazzi e delle ragazze, in cui possano esprimere i loro talenti e le loro intelligenze, sognando e realizzando progetti come parte attiva del territorio. Sono stata impegnata per circa dieci anni in una cooperativa sociale occupandomi della tutela di minori a rischio, lì ho capito che il Welfare è la leva per generare il cambiamento, per questo dobbiamo essere in grado di costruire servizi sociali che siano a misura del cittadino, che riescano a creare inclusione. Da vicesindaco del Comune di Atripalda mi sono, invece, resa conto in prima persona di come la pubblica amministrazione sia spesso lenta e inefficace, sarebbe giusto e utile accorciare le distanze sul territorio, creando un ponte con l’amministrazione regionale per semplificare e velocizzare i processi. Da imprenditrice invece so che lo sviluppo passa per il sostegno alle imprese, soprattutto a quelle che nascono dalla volontà dei giovani, con investimenti agevolati, un’attenzione particolare all’innovazione e alla creazione di nuove opportunità lavorative. 

Mi impegnerò per rendere tutto questo possibile, è un progetto ambizioso, ma ho deciso di accettare la sfida affinché ognuno possa dire che questa regione è la sua regione. Lavorerò per una Campania che sta finalmente bene e per un’Irpinia che sta bene in Campania, da protagonista. 

Lo slogan che mi ha accompagnata in questo viaggio è “Scegli per Te”: ognuno di noi ha nelle sue mani molto potere per modificare le sorti di questa terra, quello che decideremo in queste elezioni regionali ne stabilirà il destino. Accettare la candidatura ha rappresentato per me un atto di responsabilità molto grande, sarà il vostro sostegno a generare il cambiamento di cui abbiamo bisogno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Atripalda, ritrovate strutture murarie di epoca romana

Attualità

Stop ai vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson dal 2022

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento