menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Deputati e senatori irpini ce n'è per tutti i gusti: dall'onnipresente allo scansafatiche

La palma del produttivo va a Carlo Sibilia del Movimento 5 stelle (190esimo). Per quel che concerne la presenza tra i banchi, svetta su tutti Cosimo Sibilia (al Senato) con l’89,91% di presenze. Il triste record di Rotondi: ultimo in entrambe le classifiche

Per molti può sembrare un gioco, per altri un dato da tenere in considerazione. La politica è sempre sotto assedio.

Ma nel 2015 cosa hanno combinato i nostri rappresentanti al Senato della Repubblica e alla Camera dei Deputati? Le sorprese non mancano leggendo le elaborazioni del rapporto Openpolis che si basano su dati ufficiali rintracciati fino al 30 novembre 2015 dai siti di Camera dei Deputati, Senato della Repubblica e Openparlamento.

Nel 2011 la pubblicazione dell’indice di produttività parlamentare rispondeva all’esigenza di introdurre elementi qualitativi nella valutazione dell’attività dei rappresentanti dei cittadini italiani. Gli aggiornamenti apportati mantengono l’impianto originario cercando al tempo stesso di cogliere i cambiamenti, politici ma anche procedurali, avvenuti con il susseguirsi di esecutivi sostenuti da larghe intese (i governi: Monti, Letta e Renzi). La declinazione che diamo al termine “produttività” è, pertanto, sempre più lontana dal mero conteggio delle attività svolte quanto piuttosto è tesa a rilevare la capacità di essere influenti ed efficienti.

Non è produttivo il parlamentare primo firmatario di innumerevoli ddl ma quello che porta a casa una legge, non è produttivo chi protocolla centinaia di interrogazioni ma chi riesce ad ottenere una risposta da parte del ministro competente. Grazie a questo lavoro, l’indice di produttività parlamentare è diventato un vero e proprio osservatorio permanente delle dinamiche politiche, capace nel tempo di disegnare in maniera chiara e oggettiva gli equilibri di potere.

Gli scansafatiche nei due rami del Parlamento sono molti: 66,35% alla Camera e il 62,93% al Senato. Ma gli irpini come sono messi?

La palma del produttivo tra gli avellinesi risulta alla Camera Carlo Sibilia del Movimento 5 stelle (190esimo), seguono Giancarlo Giordano di Sinistra e Libertà (221esimo), Luigi Famiglietti del Partito Democratico (234esimo), Giuseppe De Mita dell’Udc (516esimo), Angelo D’Agostino di Scelta Civica (530esimo), Valentina Paris del Partito Democratico (556esima), chiude Gianfranco Rotondi di Forza Italia (617esimo). Al Senato l’unico rappresentante irpino Cosimo Sibilia di Forza Italia è posizionato al 271esimo posto.

L'indice di produttività è calcolato attribuendo a ciascun deputato un valore numerico per ogni atto presentato in parlamento o di cui è stato relatore. Per ogni atto si prende in considerazione: la tipologia, il consenso ricevuto, l'iter e la partecipazione del parlamentare ai lavori.

Per quel che concerne la presenza tra i banchi, svetta su tutti Cosimo Sibilia (al Senato) con l’89,91% di presenze. Alla Camera Luigi Famiglietti con 80,98%, Carlo Sibilia 74,44%, Angelo D’Agostino 72%, Valentina Paris 65,24%, Giancarlo Giordano 64,90%, Giuseppe De Mita 53,71%, Gianfranco Rotondi 45,69%.

I dati sulle presenze si riferiscono alle votazioni elettroniche che si svolgono nell'Assemblea di Camera e Senato dall'inizio della legislatura. Le presenze dunque non si riferiscono a tutte le possibili attività parlamentari (lavori preparatori nelle Commissioni) ma solo al totale delle presenze nelle votazioni elettroniche in Aula. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento