menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montefalcione, il sindaco convoca il Consiglio il 25 aprile e l'opposizione insorge

La nota del gruppo consiliare di minoranza "Cambiamo Montefalcione"

La nota del gruppo consiliare di minoranza “Cambiamo Montefalcione”

Sig. Sindaco,

quando ci è stata notificata la convocazione del consiglio comunale per il 25 Aprile, abbiamo avuto un sussulto, speravamo che Lei, colpita da illuminata e democratica decisione, avesse convocato il consiglio per commemorare la festa del 25 Aprile. Ma ahinoi, Lei, purtroppo non si è smentita e, nella sua distorta concezione del confronto democratico, ha compiuto un'ennesima scorrettezza istituzionale che non trova riscontro nella storia politico-amministrativa del nostro comune: ha convocato un consiglio comunale il 25 Aprile per discutere del bilancio comunale.

Ancora una volta Lei esercita la delicata funzione di Presidente del Consiglio Comunale in modo parziale, guardando all'interesse della sua parte politica, che poi altro non è che il suo personale interesse di sindaco. Basta soffermarsi su quanto accaduto recentemente: Lei, con una ingiustificabile prepotenza politico-istituzionale ha omesso di convocare il Consiglio Comunale, nonostante la regolare richiesta presentata da oltre 1/5 dei consiglieri assegnati, ha omesso di iscrivere all'o.d.g. un'interpellanza consiliare sulla scuola presentata dal gruppo di minoranza, non ha addirittura iscritto all'ordine del giorno l'esame ed approvazione dei verbali della seduta precedente, in aperto contrasto con quanto previsto dall'art. 17 del vigente regolamento comunale, è stata accusata di comportamento antisindacale rispetto alle rivendicazioni dei dipendenti comunali.

Con questo ultimo atto, sig Sindaco si è superata, ha chiuso in bellezza convocando il consiglio comunale in un giorno in cui il popolo italiano ricorda la liberazione dal fascismo, festeggia il ritorno alla democrazia e alla libertà, concetti che a Lei suonano stonati, evidentemente.

Le ribadiamo, in qualità di consiglieri comunali, come abbiamo già fatto nelle precedenti riunioni consiliari che Lei, nella qualità di Presidente dell'Assemblea Consiliare e quindi dell'intero Organo Collegiale inteso nella sua Unità Istituzionale, non esercita la sua delicata funzione in modo neutrale, condizionata dalla sua posizione di sindaco di parte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Stop ai vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson dal 2022

Attualità

Atripalda, ritrovate strutture murarie di epoca romana

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Uomo trovato morto in casa, sospetta overdose

  • Cronaca

    Auto in fiamme: intervengono i Vigili del Fuoco

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento