Politica

L'era Ciampi ha le ore contate: pronta la sfiducia

La mozione di sfiducia deve essere sottoscritta da almeno due quinti dei consiglieri

Nessun consigliere comunale di Avellino parteciperà alla corsa per Palazzo Caracciolo. Un dato che lascia intuire la determinaziona da parte della compagine democratica di aderire alla mozione di sfiducia presentata da Mai Più, Dino Preziosi e il gruppo dei Popolari. 

La mozione avrà l'effetto desiderato ovvero lo scioglimento del consiglio e quindi la caduta del sindaco solo con il raggiungimento delle 17 firme. Alle nove già presentate si dovrebbero aggiungere quelle dei consiglieri Pd, Si Può e Davvero.

Ma la decisione sembra ormai presa, d'altronde la stessa Ambrosone, capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale ha più volte ribadito che l'era Ciampi è alle battute finali. Non è un caso che anche sulle Commissioni non siano state date indicazioni dalla squadra di via Tagliamento. Il prossimo passo sarà quindi raccogliere 13 firme per portare la mozione sulla scrivania del Presidente Ugo Maggio, il quale poi potrà procedere alla convocazione della pubblica assise entro 30 giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'era Ciampi ha le ore contate: pronta la sfiducia

AvellinoToday è in caricamento