rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Politica

Caro bollette, la proposta di Avellino in Azione per famiglie e imprese

"Tante cose sono cambiate e cambieranno nel corso del tempo, ma al centro dell’impegno dei soggetti politici, non può mancare la giusta attenzione verso il problema delle disuguaglianze"

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota di Avellino in Azione sul caro bollette.

Tante cose sono cambiate e cambieranno nel corso del tempo, ma al centro dell’impegno dei soggetti politici, non può mancare la giusta attenzione verso il problema delle disuguaglianze, sempre più amplificate in un mondo che tutela gli interessi economici di pochi a danno delle classi meno abbienti, sempre più spesso lasciate a vivere sulle proprie spalle gravi momenti di difficoltà. Un grido di dolore che in questo momento storico diventa ancora più percettibile alla luce del caro bollette, energia elettrica e gas, che sta mettendo in ginocchio diverse categorie di persone, compreso i pensionati, impossibilitate a pagare ed onorare quanto dovuto. Si tratta di una situazione paradossale, che pone le persone nella condizione di dover scegliere cosa acquistare e che riduce sempre di più la vita in uno stato di infima sopravvivenza. Come sempre accade, la politica si perde nei rivoli del tatticismo spicciolo e delle convenienze del momento e non si concentra sulla necessità di offrire soluzioni alle complessità del vivere quotidiano. In questa ottica Azione ha già formulato delle proposte tese a dare sollievo a famiglie ed imprese, consapevole che il problema energetico richiede soluzioni non solo di breve periodo, ma una visione complessiva che esuli da pregiudizi e che consenta il corretto utilizzo dei fondi disponibili. Per ovviare al caro bollette, nel breve periodo si può procedere ad :1) Utilizzare i proventi ETS per ridurre il caro bolletta delle famiglie; 2) Mettere a disposizione delle imprese una parte delle scorte strategiche di gas a prezzi calmierati; 3) Tassare parte degli extra profitti. Per quanto riguarda, invece, la visione di più ampio respiro, Azione ritiene che si possa procedere aumentando la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili; sarà importante anche rilanciare la produzione nazionale di gas e modificare il sistema di attribuzione delle royalties. Azione ritiene che la politica debba porre al centro della discussione i cittadini ed il bisogno, attraverso una ricostruzione capillare delle emergenze e di riqualificazione dello stato sociale di diritto. La ripresa economica passa anche dalla corretta valutazione dei fenomeni e dalla necessità di offrire soluzioni rapide ed efficaci, nella speranza che in futuro la politica cerchi sempre meno l’effetto social ed opti per una campagna di impegno più serio e produttivo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro bollette, la proposta di Avellino in Azione per famiglie e imprese

AvellinoToday è in caricamento