rotate-mobile
Meteo

Bomba d'acqua su Avellino, ecco le previsioni per i prossimi giorni

"Ancora temporali ma la vera estate potrebbe arrivare la prossima settimana, e con essa il caldo africano", comunicano i partner Citynews di 3Bmeteo

Come ampiamente preannunciato dalla Protezione Civile della Regione Campania - che ha ribadito la presenza di una instabilità metereologica anche nella giornata di oggi - il maltempo si è abbattuto su Avellino con temporali e bombe d’acqua. Disagi in diverse zone del capoluogo. Maggiormente colpite Borgo Ferrovia e via Francesco Tedesco.

Il Centro Funzionale, sulla base dell'analisi di modelli matematici, ha valutato una possibile criticità idrogeologica di livello Giallo. Come già evidenziato nei giorni scorsi, anche per oggi le precipitazioni potrebbero avere una particolare consistenza in alcune zone ed essere accompagnate da grandine, fulmini, raffiche di vento.

Pertanto è presente un rischio idrogeologico per temporali con fenomeni di impatto al suolo come allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d'acqua, scorrimento delle acque nelle sedi stradali, ruscellamenti con trasporto di materiale, caduta massi o fenomeni franosi in territori fragili. A causa delle caratteristiche di tale perturbazione va prestata attenzione anche al rischio derivante dalle grandinate di danni alle coperture e al rischio di danni alle strutture provvisorie oltre che alla caduta di rami o alberi derivanti dalle raffiche di vento. Si raccomanda la massima attenzione, anche in assenza di precipitazioni, per un rischio residuo nelle zone interessate dalle precipitazioni dei giorni scorsi.

Si ricorda ai Comuni la necessaria attivazione dei COC (Centri Operativi Comunali) e delle misure atte a prevenire, contrastare e mitigare i fenomeni previsti, anche in linea con i rispettivi piani comunali di protezione civile. Verificare altresì la corretta ricezione dei messaggi da parte della Sala Operativa regionale.

PROSSIMI GIORNI ALTRI TEMPORALI ANCHE FORTI - “Anche la settimana corrente sarà decisamente movimentata dal punto di vista meteorologico per colpa dell’ennesimo vortice mediterraneo che andrà a posizionarsi proprio sull’Italia” – lo conferma il meteorologo di 3Bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega – “sulla falsa riga di quanto ormai accade quotidianamente da oltre un mese, avremo a che fare con rovesci e temporali sparsi almeno fino a giovedì compreso. I fenomeni risulteranno estremamente caotici sia nello spazio che nel tempo, colpendo in modo talora violento alcune aree e lasciandone a secco altre limitrofe. Non esclusi ancora una volta locali nubifragi, allagamenti, grandinate e improvvise violente raffiche di vento. Il tutto in un contesto termico non particolarmente caldo, anzi a tratti anche piuttosto fresco: martedì infatti è atteso un nuovo calo delle temperature specie al Nord.”

LA VERA ESTATE POTREBBE PERO’ ARRIVARE DALLA PROSSIMA SETTIMANA – “Saremo dunque spettatori di un’atmosfera ancora inquieta almeno altri tre giorni, ma questa volta si profila una novità almeno nel lungo termine” – prosegue Ferrara di 3bmeteo.com – “l’estate nella sua accezione più stabile e calda potrebbe arrivare la prossima settimana, ma con essa anche il primo caldo africano della stagione. L’anticiclone subtropicale sembra infatti riuscire almeno in parte ad ergersi sul Mediterraneo nella terza decade di giugno, portando a tempo generalmente più soleggiato e con temperature questa volta in netto aumento. In particolare al Centrosud si potrebbero registrare i primi picchi di oltre 33-34°C; caldo afoso anche al Nord ma qui con possibili periodici break temporaleschi. Ribadiamo che si tratta di una linea di tendenza che necessiterà ancora di ulteriori conferme, data l’elevata distanza temporale, e quindi non una previsione definitiva. Ad ogni modo già il prossimo weekend dovrebbe vedere più sole, meno temporali e clima più caldo rispetto a questi giorni”.

PRIMAVERA ECCEZIONALMENTE PIOVOSA, ANCHE MAGGIO PIU’ FRESCO DEL NORMALE – “Il possibile cambio di rotta anticiclonico metterebbe così la parola fine ad un lungo periodo decisamente piovoso e spesso fresco, che ha caratterizzato gran parte della primavera. Anche maggio, insieme ad aprile, è risultato un mese termicamente sotto la media specie per quanto riguarda le temperature massime e su gran parte d’Italia (fonte Isac-Cnr). Nel suo insieme la primavera è invece risultata lievemente sopra media ma per via di fasi molto miti a marzo. Maggio è inoltre risultato eccezionalmente piovoso su gran parte d’Italia, con accumuli complessivi che hanno raggiunto o superato i 150-200mm, ma con picchi anche di oltre 450-500mm in particolare su pedemontana piemontese, Appennino romagnolo e rilievi etnei. In numerosi casi l’accumulo medio mensile è stato così più che raddoppiato-triplicato, se non in alcuni casi anche quintuplicato. La causa è stata l’assenza pressoché totale per oltre un mese dell’alta pressione, totalmente sbilanciata sul Nord Europa con il Mediterraneo preda ora di vortici ora di perturbazioni. Praticamente una circolazione atmosferica invertita rispetto a quanto solitamente assistiamo in questo periodo” – concludono da 3Bmeteo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bomba d'acqua su Avellino, ecco le previsioni per i prossimi giorni

AvellinoToday è in caricamento