Il caso a Montoro: "Recisi due monumentali platani a Figlioli"

Il gruppo consiliare Montoro Democratica denuncia l'accaduto: "Il verde è vita e va tutelato"

Scoppia il caso, a Montoro, riguardante i due alberi monumentali situati nella frazione Figlioli, improvvisamente recisi. Il gruppo consiliare Montoro Democratica denuncia l'accaduto e, con una lettera rivolta al sindaco Girolamo Giaquinto, chiede spiegazioni su quanto accaduto.

"Non possiamo immaginare che la difesa del verde e dell’ambiente si persegua a scacchiera"

"Abbiamo purtroppo constatato che alla frazione Figlioli, in via M. Testa centro urbano, sono state recise due monumentali piante di platano. Si tratta di alberi maestosi e storici, di significato secolare e impiantati nella prima metà del secolo scorso. Questi alberi, che rendono il contesto urbano di maggiore e migliore vivibilità, hanno avuto resistenza negli anni nel nostro Comune alla frazione Figlioli, ove altri ancora abbelliscono la nostra realtà, oltre ad assolvere l’importante funzione ambientale integrativa con la vita. È a dir poco inspiegabile quanto accaduto. Non è dato conoscere atti o provvedimenti che dispongono l’abbattimento di questi due maestosi alberi. Non si conosce alcuna eventuale verifica di natura istituzionale sulle possibili cause che hanno imposto tale decisione; non è stato assolutamente evidenziato nelle fattispecie alcun segno di cedimento o di pericolo provato. Non possiamo immaginare che la difesa del verde e dell’ambiente si persegua a scacchiera. Si passa da una difesa strenua e inutile, che abbiamo conosciuto in qualche caso, alla facile e repentina azione di abbattimento. Il verde è vita e va tutelato. Il gruppo consiliare Montoro Democratica, preoccupato per la superficialità e la disattenzione che si rileva verso il verde pubblico, che va semplicemente potenziato ed incrementato, 

 CHIEDE 

 - di conoscere gli atti o provvedimenti disposti e/o emanati per l’abbattimento di due alberi monumentali in data 27 luglio c.a.; 

- se esiste una perizia di professionista incaricato, sapere perché non si è fatta richiesta di verifica ai livelli istituzionali che hanno una specifica competenza in materia;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

- lo stato di ciò che residua del fusto, evidenzia lo stato di assenza di ogni ammaloramento nei due alberi recisi. La tipologia dei platani recisi è l unica che resta di una specie di significato e valenza storico sociale. Pertanto, in presenza di atti o provvedimenti, il gruppo richiede l’inoltro di copia degli stessi o di eventuale perizia. Si rileva altresì che sono stati cementati decine di alloggiamenti di alberi ornamentali alla frazione Piazza di Pandola; si esprime forte preoccupazione sulla tenuta del verde pubblico, che fa registrare interventi indistinti e a dir poco frettolosi, distruttivi e incomprensibili, sia per la salvaguardia obbligata del verde che per l’eventuale sussistenza del rischio a tutela dell’incolumità pubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scatta il nuovo Dpcm: ecco cosa si può fare dopo le 18.00

  • Lockdown morbido, nuove chiusura entro il 9 novembre

  • Coronavirus in Irpinia, sono 187 i contagi di oggi: altri 39 casi ad Avellino

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i contagi di oggi: 12 soltanto ad Avellino

  • Carmela Faggiano è stata ritrovata

  • Sintomi da Covid o contatto con positivo: quando bisogna fare il tampone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento