menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Comune di Avellino convoca i sindacati e non si presenta: Fp Cgil e Csa chiedono le dimissioni di Feola

"Si tratta di un atteggiamento non più tollerabile - dicono Marco D'Acunto e Paolo Sarno di Fp Cgil e Csa - da parte di questa Amministrazione e di chi la rappresenta in delegazione trattante"

Ancora una volta, la seconda in pochi giorni, il Comune di Avellino convoca i sindacati e non si presenta al tavolo di trattativa. E’ successo questa mattina quando, alle ore 10,00 era in programma la riunione della delegazione trattante per discutere di delicati argomenti quali l’approvazione del contratto decentrato 2016 ed una verifica sulle progressioni economiche orizzontali dei dipendenti attuate in esecuzione del contratto dello scorso anno.

Ma anche questa mattina i dirigenti sindacali ed alcuni componenti della Rsu si sono trovati davanti la sala chiusa e la notizia che la seduta era stata rinviata con una comunicazione (mai inviata in realtà) ad altra data.

“Si tratta di un atteggiamento non più tollerabile – dicono Marco D’Acunto e Paolo Sarno di Fp Cgil e Csa – da parte di questa Amministrazione e di chi la rappresenta in delegazione trattante. Un atteggiamento di sufficienza e di cattiva educazione che se può essere superato una volta non può avvenire in due occasioni consecutive. Per questo motivo ed anche per avere finalmente la possibilità di discutere di altre questioni serie rimaste in sospeso quali quelle relative al Comando della Polizia Municipale e dell’asilo nido che ci vediamo costretti a chiedere le dimissioni del segretario generale Feola da presidente della delegazione trattante. Tutti i buoni propositi con i quali si era presentato in tale veste, dopo gli ultimi episodi, lo delegittimano di qualsiasi credibilità”.

Inoltre, per i due dirigenti sindacali, bisogna aprire un vero e proprio ragionamento sulla dirigenza al Comune di Avellino in materia di trasparenza e di efficacia della loro azione a partire dal fatto che oramai dal 2011, contravvenendo ad una norma dello Stato, i dirigenti del Comune di Avellino non pubblicano le loro retribuzioni (comprese le indennità aggiuntive) sul sito del Comune.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento