L’Irpinia e il turismo, i Mesali in campo per un nuovo progetto di sviluppo

La sfida è potenziare l’enogastronomia e l’accoglienza, creando progetti integrati volti alla collaborazione e alla cooperazione di attori pubblici e privati

Realizzare un’offerta turistica autentica, mettendo al centro la grande visibilità gastronomica irpina, già presente sul web, e l’ospitalità di qualità; rivolgere maggiormente l’offerta al mercato inglese, francese e tedesco; destagionalizzare e intensificare la presenza digitale su più canali per valorizzare le risorse locali.

Il report sul turismo 

Sono le prime conclusioni sul territorio irpino fornite dallo studio di “The Data Appeal Company”, azienda di supporto al settore turistico per definire le esigenze di mercato, sostenuto da Unicredit. L’analisi ha coinvolto un campione di 21 punti d’interesse, tra imprese della ristorazione appartenenti all’Associazione Mesali e attrazioni locali.

L'associazione Mesali

Mesali è un progetto di valorizzazione del territorio, oltre che un marchio di qualità: nato nel 2006, è costituito da un gruppo di ristoratori irpini, accomunati dal desiderio di valorizzare il territorio, la cultura, i prodotti e le tradizioni. L’obiettivo è creare una comune identità con la quale, pur mantenendo le diversità, trasmettere un’idea di resistenza e di appartenenza alla stessa terra. La realtà, in questi anni, ha lavorato e lavora tuttora per salvaguardare, custodire e diffondere l’importanza del gusto, del mangiar bene, della scelta accurata delle materie prime e tramandare la storia dei produttori che operano nel massimo rispetto dell’ambiente.

Punti di interesse 

I punti d’interesse considerati nello studio vanno dall’Abbazia del Goleto di Sant’Angelo dei Lombardi al Museo degli Argenti e al Museo Civico e della Ceramica di Ariano Irpino; dalle Sagre della castagna e del tartufo nero di Bagnoli Irpino e della Castagna di Montella al grande evento di musica internazionale ArianoFolkFestival; dal Castello di Gesualdo al Parco Archeologico di Mirabella. Inoltre, sono stati monitorati i ristoranti aderenti al progetto Mesali: La Pergola, La Corte dei Filangieri, l’Antica Trattoria Di Pietro, La Ripa Ristorante Museo, La Pignata, l’Oasis Sapori Antichi, l’Antica Trattoria Matella, il Ristorante Valleverde e l’Osteria dei Briganti.

Dall’analisi degli oltre 62 mila contenuti presi in considerazione, postati online dai visitatori, emerge un sentiment molto positivo, pari all’86% nel 2019: in crescita di 1,6 punti rispetto al 2018.

Cibo e accoglienza le linee guida 

Nel dettaglio, due sono gli argomenti su cui la maggior parte si focalizza: cibo e accoglienza, entrambi con sentiment ottimo. Un punto di attenzione sui servizi, in particolar modo la qualità delle camere e i costi. In aggiunta, la distribuzione mensile dei contenuti ci dà uno spaccato della stagionalità dell’area, con due picchi: la Primavera, in concomitanza con la Pasqua (soprattutto per il settore delle attrazioni) e l’Estate, in particolar modo per il mese di agosto.

La clientela 

Infine l’Irpinia risulta caratterizzata da una clientela prevalentemente costituita da italiani in coppia e in famiglia. Gli stranieri rappresentano solo l’11%, prevalentemente dal Regno Unito, Francia e Germania. Il report degli esperti di The Data Appeal Company pone l’Irpinia di fronte a una grande sfida: potenziare l’enogastronomia e l’accoglienza, creando progetti integrati volti alla collaborazione e alla cooperazione di attori pubblici e privati e allo stesso tempo intervenire per realizzare nuovi servizi turistici, migliorando quelli esistenti.

Il progetto e l'obiettivo 

In quest’ottica si muove il progetto di turismo integrato dell’Associazione Mesali, in collaborazione con Made4italy, un network che parte dai ristoranti aderenti alla realtà e abbraccia produttori, cantine, contadini, che operano per un’agricoltura sostenibile e che condividono gli stessi valori, estendendosi alle realtà dell’ospitalità diffusa, al mondo dell’Associazionismo e a tutti gli attori presenti sul territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Network 

Il network sarà coinvolto nella progettazione e implementazione di 11 percorsi esperienziali, uno intorno ad ogni ristorante Mesali, strutturati con l’intento di far connettere i viaggiatori con lo stile di vita, lento e genuino, dell’Irpinia. Ogni percorso condurrà gli avventori alla scoperta dei segreti nascosti dei luoghi, dei sapori antichi, dei saperi tramandati di generazione in generazione e all’incontro con le comunità irpine. Tale offerta, con il supporto di un’adeguata comunicazione e collaborazioni mirate con tour operator nazionali e internazionali, sarà indirizzata maggiormente ai turisti inglesi, francesi e tedeschi, andando poi a intercettare target internazionali, con particolare attenzione alla destagionalizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scatta il nuovo Dpcm: ecco cosa si può fare dopo le 18.00

  • Lockdown morbido, nuove chiusura entro il 9 novembre

  • Mentre a Napoli monta la rivolta, Avellino si svuota alle 23.00

  • Coronavirus in Irpinia, sono 187 i contagi di oggi: altri 39 casi ad Avellino

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i contagi di oggi: 12 soltanto ad Avellino

  • Carmela Faggiano è stata ritrovata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento