Il lavoro c'è ma mancano le assunzioni: numeri drammatici per l'Irpinia

Dati dell'indagine Excelsior

Lo spopolamento delle aree interne, tra le quali c’è la provincia di Avellino, viene spesso ricondotto alla mancanza di lavoro, ma la realtà sembra essere un’altra: il problema, infatti, non è la mancanza di lavoro, ma l’offerta del mercato. Per chiarire: potenzialmente l’Irpinia (a nome di imprese e studi professionali), potrebbe disporre di quasi 6mila posti di lavoro (circa il 14%), ma poco meno di mille ne saranno offerti.

Il dato (a nostro modesto parere allarmante) emerge dall’indagine Excelsior condotta da Unioncamere, Anpal e Camera di Commercio di Avellino. Pur non gettando la croce sui datori di lavoro, bisogna dire che questi riscontrano problemi di natura economica, soprattutto per la tassazione legata all’ingaggio del dipendente. Inoltre, le imprese hanno non poca difficoltà a trovare i profili desiderati, soprattutto quelli specializzati (ad esempio: under 30 laureati).

Tra le figure più ricercate, in tal senso, spiccano i tecnici informatici, ingegneri e operai metalmeccanici e elettromeccanici specializzati. Ma non solo. Infatti, (udite, udite!) mancherebbero anche conduttori di mezzi di trasporto per i quali sono stati pubblicati diversi bandi di concorso (anche ad Avellino per l’Air). Non vanno meglio, infine, le ricerche tra i diplomati per il settore turistico o amministrativo-finanziario.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori pizzerie ad Avellino e Provincia, ecco la nostra nuova "Top ten"

  • Tragedia in autostrada, morto un irpino e la figlia di 6 anni

  • Incendio Pianodardine: l'Asl vieta raccolta e consumo di frutta, verdura, acqua, latte e uova

  • Incendio ad Avellino, risarcimento danni per i residenti

  • Matrimonio "falso" in Irpinia: lo sposo non è ancora divorziato

  • Incendio Pianodardine, ecco la prima relazione Arpac sulla qualità dell’aria

Torna su
AvellinoToday è in caricamento