menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Industria Italiana Autobus, a settembre l'operazione finanziaria con Invitalia

Infine, l’azienda si è impegnata, alla ripresa della produzione, ad avviare una campagna di assunzioni di lavoratori diretti alla produzione, privilegiando i lavoratori di Avellino"

Il piano di reindustrializzazione della società Industria Italiana Autobus (IIA) si sta concretizzando e, in particolare, il rilancio dello stabilimento ex Irisbus di Flumeri (Avellino) è ormai alle porte. A cinque anni dalla chiusura dello stabilimento e due anni dall’acquisizione da parte dell’IIA avvenuta nel 2014, è arrivata l’approvazione del contratto di sviluppo della società cessionaria IIA con Invitalia. “Ora si aspetta la capitalizzazione da parte dell’azienda – sottolinea a Il Diario del Lavoro il segretario nazionale della Fim-Cisl, Ferdinando Uliano - che dovrebbe avvenire in questi giorni, in un incontro che sarà fissato a seconda della disponibilità del Mise”. L’iter per quanto riguarda l’accesso ai finanziamenti di Invitalia dovrebbe quindi concludersi a breve, anche se poi materialmente l’operazione finanziaria avverrà nel mese di settembre.

L’obiettivo della Industria Italiana Autobus era quello di creare un nuovo progetto industriale che prevedesse due unità produttive. Una è la ex BredamenariniBus, in capo a Finmeccanica, che non ha mai interrotto il ciclo produttivo degli autobus, e l’altra, quella della ex  Irisbus, che avrebbe dovuto integrare la produzione della partecipata cinese (al 80%) Xiamen King Long.

“Nel mese di febbraio – continua Uliano -, l’amministratore delegato della Industria Italiana Autobus, Stefano Del Rosso, ha comunicato l’interruzione dei rapporti con la King Long e di aver trovato un altro partner, la società turca Karsan, con la quale sta strutturando un nuovo piano per il rilancio dello stabilimento di Valle dell’Ufita”. Ma sul piano industriale complessivo la discussione è stata rimandata al prossimo settembre 2016.

Sono state espresse volontà da parte della regione Campania di rafforzare la propria flotta su gomma e anche questa si profila essere una grossa potenzialità di sviluppo per il rilancio dello stabilimento irpino, che porterebbe quindi  a pieno impiego i 294 lavoratori che sono in cassa integrazione. In particolare, sull’ex Irisbus “abbiamo contrattato 3 anni di cassa integrazione e ad oggi si è al secondo anno. L’attardarsi sul progetto di implementazione del nuovo piano industriale – conclude il segretario -, quindi, può dar luogo a un rischio di mancata copertura di cassa integrazione o comunque una problematicità nella rioccupazione di tutti i lavoratori.”

Infine, l’azienda si è impegnata, alla ripresa della produzione, ad avviare una campagna di assunzioni di lavoratori diretti alla produzione, privilegiando i lavoratori di Avellino, e di procedere con l’assunzione di giovani con l’alternanza scuola-lavoro e contratti di apprendistato professionalizzante per ritornare all’organico del 2014.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento